in

«Venite, non mi sento bene», gli agenti soccorrono anziano bisognoso di “compagnia”

Intervento della polizia e selfie tutti insieme

ORVIETO (Terni) – «Venite, non mi sento molto bene». Con queste parole un signore orvietano di 88 anni ha richiesto, alcuni giorni fa, l’intervento della polizia, che ha immediatamente inviato una pattuglia a casa sua, alla periferia della città.

L’anziano ha aperto la porta agli agenti che hanno constatato che era autosufficiente, ma un po’ confuso; l’88enne ha riferito di vivere da solo e di aver bisogno di parlare con qualcuno.

Vedovo, con l’unico figlio rimasto lontano per ragioni di lavoro, l’uomo ha detto di sentire molto il peso della solitudine; gli agenti hanno telefonato al figlio che li assicurati che il giorno dopo sarebbe arrivato ad Orvieto per passare qualche giorno con l’anziano genitore, con il quale si sente comunque continuamente.

I poliziotti sono rimasti un po’ a parlare con l’uomo, che tranquillizzatosi, ha posato con loro per un “selfie”.

Il palazzo della Provincia e della Prefettura di Perugia illuminato con il tricolore

Umbria Digitale e Umbria Salute: via alla fusione delle società

Aeroporto San Francesco: aumento del 51 per cento dei passeggeri. Ma alcuni voli si stoppano a fine mese