in ,

Umbria Digitale e Umbria Salute: via alla fusione delle società

La nota della Provincia di Perugia

Il palazzo della Provincia e della Prefettura di Perugia illuminato con il tricolore

PERUGIA – Approvato dal Consiglio provinciale di Perugia il progetto di fusione societaria per incorporazione, ai sensi degli art. 2501-ter e seguenti del codice civile, relativo alla fusione di Umbria Digitale s.c.a r.l. in Umbria Salute e Servizi s.c.a r.l., che varierà la propria ragione sociale in “PuntoZero S.c.a r.l.”.

L’aggregazione è stata ritenuta un valido strumento per avviare una gestione integrata dei servizi attualmente in affidamento alle due società, valorizzando le rispettive competenze e razionalizzando le risorse pubbliche, evitando sovrapposizioni di competenze.
“PuntoZero” è una società consortile a totale capitale pubblico, sottoscritto integralmente dalla Regione Umbria, dalle aziende sanitarie regionali e dalle altre pubbliche amministrazioni operanti sul territorio regionale secondo il modello in house providing, di cui all’art. 16 del decreto legislativo n. 175/2016. In questo modo i soci attribuiscono alla società il compito di espletare servizi di interesse generale, tra cui lo sviluppo dell’innovazione tecnologica, la cura delle attività e l’erogazione dei servizi volti alla tutela della salute, lo sviluppo e la gestione del Data Center regionale, la gestione dell’osservatorio epidemiologico e altre attività.
Nella nuova società la Provincia, in qualità di socia, avrà una quota di partecipazione del valore nominale di euro 200.329,62, con una percentuale del capitale sociale del 5,008241%; mentre la Regione resta socia di maggioranza con una quota di partecipazione del 73,037247%.
Tra le novità post fusion c’è il fatto che i soci non sono più tenuti al versamento della quota annuale, ma, come precisato nello Statuto, la società potrà richiedere ai soci contributi annuali per le spese di funzionamento della stessa.

Ferentillo, vedono un cane in strada e tentano di rubarlo: denunciati

«Venite, non mi sento bene», gli agenti soccorrono anziano bisognoso di “compagnia”