in

Panicale, la comunità di Tavernelle si riappropria dei giardini “Berardo Berardi”

l progetto di recupero hanno lavorato scuola, enti e associazioni. Intanto procedono i lavori per il “Centro Famiglie”

PANICALE – Un luogo “simbolo” restituito a Tavernelle grazie al concorso di tutta la comunità.
Alla riqualificazione dei giardini “Berardo Berardi”, inserita all’interno di un più ampio progetto denominato “RiveRdiamoci” e finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, ha preso parte un gran numero di soggetti, tra Enti e organizzazioni del territorio. Per questo motivo sabato scorso la cerimonia di inaugurazione è stata un momento di grande festa per Tavernelle.

Lo spazio verde all’interno del paese è stato interessato da un intervento di “rigenerazione urbana” in un’ottica di contrasto alle povertà educative e con un’attenzione particolare ai giovani. I Giardini sono stati dunque oggetto di lavori di riqualificazione per renderli più belli, accessibili e sicuri. Alla progettazione dell’intervento hanno partecipato attivamente anche gli studenti del Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze di Panicale che hanno ideato la nuova pavimentazione ed hanno lavorato alla stesura delle regole di fruizione di questo spazio pubblico. Spazio che è stato sottoposto a lavori di abbattimento delle barriere architettoniche e di posa di gomma colata antitrauma.
Ma come detto il recupero dei Giardini è una delle azioni principali del progetto “RiveRdiamoci”, messo a punto dal CSR (Centro sociale ricreativo anziani Quartilio Fratini di Panicale e Piegaro) con una lunga serie di partner, tra cui il Comune di Panicale. Progetto presentato a valere sul bando Welfare 2019 emesso dalla Fondazione, che prevede interventi per un valore di quasi centomila euro (di cui circa 75.000 finanziati dalla stessa Fondazione).
Obiettivo di fondo è l’attuazione di azioni di contrasto alle cosiddette povertà educative, coinvolgendo attivamente la comunità di Tavernelle con un’attenzione particolare a giovani e famiglie.
Oltre che sulla riqualificazione dei giardini, il progetto poggia sul nuovo Centro Famiglie, i cui lavori sono in corso di esecuzione, anche se già da mesi sono partite le attività consultoriali per le famiglie, ovvero un aiuto socio-educativo rivolto alla persona e alla coppia per superare disagi e difficoltà legati alla vita quotidiana.
«Al centro di questo progetto – ha dichiarato sabato il presidente del Csa Giovanni Gagliardini – vi è la partecipazione dei cittadini, esempio di bene comune”. Per l’Amministrazione comunale si tratta di “un’operazione di enorme valenza da cui parte un segnale molto chiaro e che trasmette il senso di comunità».
«Un giardino così bello – ha sostenuto il dirigente scolastico Simone Casucci – ci fa sentire più attenti, responsabili e felici. Spero che la co-progettazione non finisca qui». Per il presidente di Irecoop Carlo di Somma «si tratta di una risposta all’oggi e al domani».
Nel corso della cerimonia di sabato prossimo sono stati inaugurati anche il “Cartello delle regole” elaborato dai bambini che frequentano l’area giochi e la targa che testimonia il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio.

Elezioni, alle urne quasi la metà degli aventi diritto. C’è ancora tempo fino alle 15

Abusò di una donna fuori da un locale: espulso dopo la conferma in Appello della condanna