in ,

Rombo di tuono e Goccia di rugiada sono diventati genitori: è nata Inay alla Città della domenica

Weekend di appuntamenti al parco di Perugia

PERUGIA – Musetto e occhi neri, pelliccia marrone e caratterino vivace: questa è Inay, la cucciola di bisonte americano nata l’11 settembre a Città della Domenica, che si va ad aggiungere agli altri sei esemplari presenti nell’area western del parco naturalistico e di divertimenti perugino.

Nome indiano per lei, che significa ‘simile a Dio’, e in attesa che cresca a suon di erba, fieno e cereali, per ora la sua dieta è a base di latte e coccole della mamma ‘Goccia di Rugiada’, al suo primo parto. Un parto, tra l’altro, a cui hanno potuto assistere casualmente alcuni visitatori del parco, in diretta. «Il bisonte americano – ha detto Alessandro Guidi – è uno dei mammiferi più grandi del nord America, ma come potete vedere non c’è bisogno di andare fin laggiù per ammirarlo. Siamo davvero felici di questa nuova arrivata, che sta bene, pesa quasi 30 chilogrammi ed è stata ben accolta dagli altri animali: oltre che con la madre e il padre Rombo di Tuono, Inay crescerà con Raggio di Sole, Luce di Fuoco, Pioggia di Primavera e Yaisha». Questa, dunque, la novità che troveranno i visitatori di Città della Domenica nel prossimo weekend. Ad accoglierli, poi, ci sarà anche la mascotte Burro, asinello bianco dell’Asinara divenuto il simbolo di questo parco per via del progetto di tutela della razza in via d’estinzione, intrapreso negli anni Ottanta e condotto in collaborazione con l’Università degli studi di Perugia (Facoltà di Medicina e Veterinaria) e l’Istituto di incremento ippico di Ozieri (Sassari).
Domenica 19 settembre, poi, spazio ai consueti spettacoli dal vivo per tutta la famiglia: la Falconeria e l’Adventure game. Nel primo caso i falconieri Francesco e Marta si esibiscono con i loro falchi, poiane, aquile, grifoni, civette e gufi, coinvolgendo gli spettatori; nel secondo, si tratta di un gioco interattivo a tappe, nel bosco, dove il pubblico incontra lo stregone Salazar, la strega Sibilla, il giullare Buontempone e lo sciamano Orso Rosso fino ad affrontare il personaggio finale. Proprio il pubblico diventa protagonista della vicenda andando alla ricerca dei ‘Cristalli dell’anima’, con l’aiuto di una mappa e procedendo nel percorso in una sota di caccia al tesoro tra suggerimenti, indovinelli e indizi.

Le manie e i tic di una generazione secondo Michela Giraud: si ride ad Assisi OnLive

Covid, in Umbria pronti per la terza dose