in ,

Piccoli e isolati? No, si cambia. Ecco il patto d’acciaio tra Umbria e Marche

L’incontro «estremamente operativo»

Palazzo Donini, Perugia

PERUGIA – In un incontro, definito «estremamente operativo», che si è svolto oggi nella sede regionale di Palazzo Donini a Perugia, i presidenti delle Regioni Umbria e Marche, insieme ai relativi staff tecnici, hanno affrontato i maggiori temi sui quali i due territori stanno lavorando per obiettivi comuni e che necessitano di assoluta sinergia.

Il tema principale è stato ovviamente quello delle infrastrutture, considerato fondamentale non solo per l’economia di Umbria e Marche, ma interessante per la ripartenza dell’intero Paese che ha il suo baricentro in queste Regioni centrali. I sistemi ferroviari e stradali, alcuni da realizzare, altri da completare ed una riflessione sulle possibili sinergie da costruire tra gli aeroporti umbro-marchigiani, per offrire maggiori possibilità non solo sul versante turistico ma anche per favorire scambi commerciali ed industriali. E tutto ciò a partire dalle numerose opere incompiute che vanno completate nel più breve tempo possibile. Altri temi affrontati, hanno riguardato le azioni da intraprendere insieme per la ricostruzione e la rinascita economica delle zone colpite dal sisma del 2016, utilizzando al meglio le risorse disponibili; possibili sinergie nei settori del credito e della finanza; la creazione di Zone economiche speciali (ZES), coinvolgendo anche la Regione Abruzzo; offerte turistiche integrate che valorizzino e rendano ancor più competitivi nei mercati nazionali ed esteri i territori delle due Regioni. L’impegno dei due Presidenti ora sarà quello di proseguire su questo percorso di lavoro comune tra le due Istituzioni regionali e contemporaneamente far dialogare in misura maggiore i sistemi economici territoriali per favorire sviluppo ed innovazione. A partire dalle prossime settimane saranno organizzati ulteriori incontri sui singoli temi.

Covid, niente vaccino; 35 dipendenti dell’Azienda ospedaliera di Perugia verso la sospensione

L’Umbria brinda al vino, traino dell’economia del territorio