in

Santa Maria, la riconversione va avanti: terapia intensiva cardiologica torna a 11 posti letto

Dopo l’emergenza pandemia

L’Azienda ospedaliera Santa Maria di Terni continua il processo di riconversione alle attività ordinarie, iniziato il 4 aprile scorso.

Dopo la completa riapertura delle aree di degenza internistica ‘No Covid’, per un totale di 112 posti letto, e la ripresa delle attività chirurgiche per l’80% rispetto al periodo pre-Covid, dal primo giugno la Utic (Unità Terapia Intensiva Cardiologica) è tornata alla dotazione di 11 posti letto. Non solo, ma saranno anche attivati 6 posti letto di Osservazione Breve Intensiva, presso la degenza di Medicina d’Urgenza 2. Per quanto riguarda la dotazione delle Terapie Intensive No-Covid, cosiddette “generaliste”, è tornata alla piena dotazione, come nel periodo pre-Covid, dal 12 aprile scorso

Minimetrò, Pian di Massiano (foto Settonce, riproduzione riservata)

Trasporti, il minimetrò chiude per manutenzione

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro: il progetto formativo