in ,

L’Umbria verso Expo Dubai: le riprese per il video del premio Oscar Gabriele Salvatores

Tesei e Fioroni: «Straordinaria opportunità di promozione»

PERUGIA – A ormai 100 giorni dall’inaugurazione di Expo 2020 Dubai entra nel vivo il percorso di avvicinamento dell’Umbria e delle altre Regioni partecipanti all’Esposizione Universale, primo grande evento globale dopo la pandemia.

«Expo – dichiara la Presidente della Regione Donatella Tesei – è una grande occasione per mostrare l’Umbria, una regione dove si amalgamano ingredienti di prima qualità, eterogenei, ma perfettamente e armoniosamente uniti tra di loro. Dall’aspetto naturalistico a quello architettonico, passando per l’enogastronomia, la grande l’offerta della piccola Umbria è ricca di qualità che offre generosamente a chi la visita e a chi la sceglie come sua casa. Ingredienti che si prestano perfettamente ad essere protagonisti delle riprese attraverso le quali, lo straordinario regista Gabriele Salvatores, mostrerà al meglio le nostre realtà regionali. Expo sarà un’iniezione di fiducia per tutti, una riapertura verso la normalità di cui la pandemia ci ha privati a lungo». «L’expo rappresenta una straordinaria vetrina – concorda l’Assessore regionale Michele Fioroni – per raccontare al mondo cosa è l’Italia: una terra la cui autenticità può solo che essere amplificata nel suo potere evocativo da un grande maestro del cinema come Gabriele Salvatores. La Regione Umbria potrà dare un importante contributo ad un percorso di narrazione in cui il saper fare autenticità e bellezza rappresentano i temi di sfondo».

Prendono intanto il via le riprese nei territori italiani del regista premio Oscar Gabriele Salvatores, chiamato dal Commissariato per la partecipazione dell’Italia a Expo Dubai a narrare la Bellezza evocata sin dal titolo della partecipazione del nostro Paese: “La Bellezza unisce le Persone”. In queste settimane lo sguardo e le troupe di Salvatores attraverseranno le 15 Regioni che a Dubai porteranno le loro ricchezze culturali, paesaggistiche e storiche oltre alle proprie tradizioni e capacità di innovare: le riprese verranno poi editate e infine proposte durante il semestre espositivo dal primo di ottobre al 31 marzo ai visitatori del Padiglione Italia. Il racconto costruito dal regista con le Regioni partecipanti prevede una serie di contenuti altamente scenografici e d’impatto che saranno visibili in due diverse sezioni del percorso del Padiglione Italia: il Belvedere, con proiezioni a 360 gradi dei paesaggi e dei luoghi più suggestivi, e il ‘Saper Fare’ italiano, raccontato su uno schermo di 100 metri quadrati e capace di mostrare al visitatore il meglio delle ‘artigiane’, dell’agroalimentare, della meccanica, del design e dell’esercizio delle tecnologie più sofisticate. Nella nostra Regione le troupe di Salvatores racconteranno al meglio la nostra terra. «Mancano 100 giorni all’inaugurazione dell’Expo di Dubai! E io sto girando il nostro Paese per filmare, per questo progetto, il nostro “saper fare” italiano, le grandi e piccole cose meravigliose che sappiamo fare con le nostre mani: dagli scalmi delle gondole, alla pesca delle alici, dai tortellini fatti a mano ai componenti dei satelliti spaziali, dai vasi di vetro soffiato ai vini del Carso… e molto, molto altro! Ma anche documentando con telecamere, droni e macchine in grado di riprendere a 360 gradi le infinite bellezze della natura, della cultura e della storia del nostro Paese. Guardando i progetti del nostro Padiglione Italiano, sono sicuro che sarà una cosa straordinaria. Gli spazi che sono stati inventati e i materiali usati per realizzarli sono davvero magnifici. Credo, inoltre, che sia importante che, per la prima volta, un Paese Arabo ospiti un’Esposizione universale, sperando che, anche questo, contribuisca a creare un vero scambio di sapere e di cultura tra i vari popoli di questo Pianeta», dichiara Salvatores.

«Con la presenza di ben 15 Regioni – il più alto numero di Regioni partecipanti mai registrato a una Esposizione Universale – l’Italia porta a Expo Dubai la ricchezza e la bellezza dei suoi territori e dei suoi saperi. Le Regioni che hanno aderito saranno partner artistici del Padiglione italiano, realizzandone i contenuti e poi animandone le iniziative e gli eventi per l’intero periodo espositivo, da ottobre fino a marzo del prossimo anno”, afferma Paolo Glisenti, Commissario Generale per la partecipazione dell’Italia a Expo 2020 Dubai. “Una presenza, quella delle Regioni, decisiva non solo per rilanciare il turismo, a cominciare da quello esperienziale, ma anche per far crescere l’attrazione dei capitali esteri verso le filiere d’impresa territoriali, dalla grande industria alle PMI innovative, alle start up e all’artigianato, anche con l’obiettivo di attirare i migliori talenti e le migliori competenze internazionali verso l’offerta formativa e progettuale delle università e nei centri di ricerca che operano in questi territori», ha aggiunto. «La maestria di Gabriele Salvatore narrerà il saper fare italiano raccontando quelli che io chiamo i “beni culturali viventi”. Nell’installazione del Belvedere al Padiglione Italia a Expo Dubai il paesaggio italiano come non l’avrete mai visto, a 360 gradi», spiega il direttore artistico Davide Rampello. All’Umbria e alle altre 14 Regioni aderenti al progetto (il più alto numero che l’Italia abbia mai portato ad una Esposizione Universale fuori dal nostro Paese), è inoltre dedicata un’intera sezione del sito del Padiglione Italia (https://italyexpo2020.it/le-regioni-a-expo-dubai/): uno spazio aggiornato quotidianamente con i contenuti che arricchiscono l’esperienza dei territori italiani a Expo Dubai nella quale in maniera semplice e intuitiva sarà possibile conoscere tutte le notizie relative alle Regioni coinvolte e consultare le pagine dei loro siti istituzionali dedicate all’Esposizione Universale.

Aeroporto San Francesco: risanamento e ripartenza

Mascherine via dal 28, ma attenti agli assembramenti. Il 60,5% degli umbri è in prima dose, vicino lo scacco al virus