Sanità, Cristina Clementi direttrice amministrativa a Perugia. E Tesei in pressing da Draghi per riaprire il 20

7 Aprile 2021

POLE POLITIK di MARCO BRUNACCI | Sciolto il primo nodo, restano da annunciare l’arrivo del Messi della direzione sanitaria e il nuovo direttore generale. E la governatrice incontra il premier per far presenti i nuovi (buoni) numeri sul fronte della lotta al Covid e chiedere da subito vaccini e allentamenti

di Marco Brunacci

PERUGIA – Cristina Clementi, umbra doc ma da anni al lavoro in Lombardia, la nuova direttrice amministrativa dell’Azienda ospedale di Perugia.

Cristina Clementi, che prenderà servizio già da lunedì prossimo, è il nuova tassello del puzzle che dovrebbe completarsi con l’arrivo dell’annunciato direttore sanitario, considerato un Messi nel suo campo. Anche lui arriverà lunedì ma deve ancora firmare, quindi non viene reso noto il suo nome.
Per quanto riguarda invece il direttore sanitario si discute non più su 8 ma su 5 nomi. Un paio conoscono molto bene la sanità regionale, due vengono dal nord (Lombardia e Friuli), il quinto è Noto, umbro con esperienza ministeriale. Un paio di riunioni ancora e si chiude. Entro la prossima settimana.
Intanto la presidente Tesei torna in pressing a tutto campo su Draghi: va a chiedere domani (giovedì) i vaccini promessi da Speranza e ancora non arrivati (50mila in più) e vuole il riconoscimento che l’Umbria ha i numeri della zona gialla e può ragionevolmente pretendere le relative riaperture, a cominciare da bar e ristoranti. Le chiederà a partire dal 20 aprile, tenendo conto che è in arrivo l’ordinanza regionale per riaprire le scuole medie in presenza e anche le superiori (50% in dad) dal 19.

#ospedale #perugia #direttoreamministrativo #cristinaclementi