in ,

In casa droga e 30mila euro incassati con lo spaccio: tre arresti

Carabinieri al lavoro. Repertorio

L’operazione dei carabinieri a Ponte San Giovanni

PERUGIA – Oltre mezzo chilo di droga e quasi 30mila euro incassati con lo spaccio. È quello che hanno sequestrato i carabinieri nell’operazione che ha portato all’arresto di tre persone.

A Ponte San Giovanni, alla fine di un articolato servizio scaturito da una serie di segnalazioni giunte al 112, i militari della locale Stazione hanno tratto in arresto, in flagranza dei reati di spaccio di sostanze stupefacenti un 48enne, per detenzione ai fini di spaccio e violazione della legge sull’immigrazione un 50enne e infine anche lui perché irregolare un 36enne. Tutti di origine tunisina e senza fissa dimora, già noti ai carabinieri sono finiti nella rete dei militari: tutto è partito da un controllo a Piscille, dove i militari hanno sorpreso e bloccato il 48enne dopo aver ceduto 3 involucri, risultati poi contenere, complessivamente, 2,6 grammi di eroina, a un 49enne italiano, residente nell’assisano, il quale è stato, successivamente, segnalato al locale prefettura quale assuntore di sostanze stupefacenti.
Nella circostanza, durante la conseguente perquisizione eseguita all’interno di un appartamento in uso all’uomo e ai due connazionali, ubicato poco lontano dall’area dello spaccio, sono stati rinvenuti 1 bilancino di precisione, sostanza da taglio, 6 telefoni cellulari e 5 sim card, nonché la somma contante di 2.130 euro, ritenuta provento di attività illecita.
Inoltre, a seguito di puntuali accertamenti info-investigativi, gli altri 2 cittadini tunisini sono risultati gravati da decreti di espulsione emessi dall’Ufficio di sorveglianza di Perugia, nel 2018 e nel 2019.
Le immediate indagini hanno quindi permesso di localizzare un altro appartamento, in uso esclusivamente al 50enne, a Ponte San Giovanni, dove è stata estesa la perquisizione, che ha permesso il rinvenimento di un involucro contenente 539 g. circa di sostanza stupefacente del tipo eroina; 1 bilancia elettronica; materiale per il taglio e il confezionamento del narcotico; somma contante di 25mila euro, ritenuta provento di attività illecita; 2 telefoni cellulari e 6 sim card. Nel medesimo contesto, i carabinieri hanno proceduto, infine, a denunciare in stato di libertà, per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti il 36enne, poiché trovato in possesso di 1 dose, del peso di 0,3 grammi circa di eroina; un 28enne tunisino, residente a Perugia, già noto ai carabinieri, poiché, presente nell’abitazione oggetto della prima perquisizione, è stato trovato in possesso, all’interno del proprio appartamento, di un modico quantitativo di sostanza stupefacente del tipo marijuana e della somma contante pari a 1.730,00 euro, ritenuta provento di attività illecite. Il narcotico e i reperti sono stati tutti sottoposti a sequestro, in attesa di essere depositati presso l’Ufficio corpi di reato. Espletate le formalità di rito, gli arrestati sono stati associati nel carcere di Capanne, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

#droga #perugia #carabinieri

Sanità, il sottosegretario Costa in visita al Santa Maria

Al via la prima edizione di Phes+Ival – Avanguardie fotografiche