in

«Fuori gli antiabortisti dai consultori»

La protesta scende in piazza a Perugia

PERUGIA – Donne di nuovo in piazza a Perugia per difendere diritti e autodeterminazione: l’Udi (Unione donne in Italia) promuove una mobilitazione in difesa dei consultori, per tutelare il diritto all’aborto, libero, sicuro e accessibile.

L’appuntamento è davanti al consultorio di Madonna Alta, sabato 17 aprile alle 11 e si svolgerà in contemporanea con altre iniziative sul territorio nazionale, in particolare a Torino, dove, come in Umbria, la giunta regionale a guida leghista vuole consentire alle associazioni antiabortiste l’ingresso nei consultori pubblici. «Si tratta di un attacco ai fondamenti della legge 194 – affermano le donne delle Cgil di Perugia e dell’Umbria – un attacco diretto al principio di autodeterminazione delle donne, che punta ad azzerare decenni di lotte e impegno per la conquista di diritti e libertà». Per questo la Cgil ed in particolare il coordinamento donne della Camera del Lavoro di Perugia aderiranno alla mobilitazione di sabato indetta dall’Udi. La mobilitazione fisica – naturalmente nell’assoluto rispetto delle normative anti-covid vigenti – sarà preceduta da una mobilitazione via social caratterizzata dagli hashtag #17aprile #difendiamola194 e dagli slogan «tuteliamo l’aborto libero sicuro accessibile» e «fuori gli antiabortisti dai consultori».

#perugia #aborto #udi #cgil #consultorio

«Un punto vaccinale in più per Perugia»

Norme covid sul posto di lavoro, denunce e multe a Ficulle