Nel Decreto Sostegno ci saranno i ristori retroattivi per le attività economiche dell’Umbria e il bonus babysitter per le famiglie

12 Marzo 2021

POLE POLITIK di MARCO BRUNACCI | Tesei chiede di recuperare il ritardo, Gelmini assicura. Speranza invece ancora deve trovare il modo di far arrivare i 50mila vaccini in più (oltre ai 16mila in aggiunta al rapporto alla popolazione). Vaccini, notizie positive solo dagli Usa

di Marco Brunacci

PERUGIA – Nell’incontro Stato-Regioni, con i risultati che scriviamo qui sopra, intervento della governatrice umbra Donatella Tesei, appuntito per certi versi ma soft sulla disponibilità a seguire gli indirizzi del Governo Draghi, responsabilmente, aspettando però risultati in termini di inizio di una campagna di vaccinazione realmente di massa, una volta sgombrato il campo dalla questione del lotto ritirato del vaccino Astrazeneca.

ASSICURAZIONI DELLA GELMINI

La disponibilità è stata apprezzata dalla ministra Gelmini e stavolta non solo a parole. Ci sono i fatti: il Governo si è formalmente impegnata a inserire nel Decreto Sostegno, la cui approvazione è prevista per i primi giorni della prossima settimana, dei ristori retroattivi per tutte le attività che hanno chiuso per zone rosse regionali o provinciali. Non solo: sarà previsto anche, sempre in forma retroattiva, il bonus babysitter per le famiglie, nel modo da richiedere che sarà specificato nel decreto.

ATTESA PER SPERANZA

Tesei aveva più volte sollecitato e inviato lettere al Governo sull’argomento (come pure sui 50mila vaccini da avere in più e sulla sperimentazione dei monoclonali, per entrambi i quali c’è il via libera del ministro Speranza dall’incontro di Perugia, ma non ancora l’attuazione concreta) e ora può incassare il risultato degli sforzi.

VACCINI, UNA SOLA NOTIZIA POSITIVA

La partita contro il Covid si gioca su diversi fronti, ma l’unica porta attraverso la quale se ne può uscire resta il vaccino. Ma le uniche notizie positive su questo fronte arrivano da quei Paesi dove i governi in carica lo scorso anno (da Trump a Johnson a Netanyahu) , hanno puntato tutto sulla sulla scommessa della produzione a tempo record di vaccini. E’ di queste ore l’annuncio del presidente Usa, Biden, che ha assicurato che saranno vaccinati entro il primo maggio prossimo i cittadini statunitensi che lo vorranno.
La notizia è positiva anche per l’Europa, rimasta fatalmente indietro con colpevole negligenza, perchè è ragionevole immaginare che gli alleati occidentali dell’Europa non potranno lasciare troppo indietro i partner del Vecchio Continente. Con il rischio concreto di creare sfalsamenti eccessivi nei cicli economici dei vari Paesi, con danni, alla fine, per tutti
E questa è l’unica notizia positiva.

#coronavirus #umbria #vaccini #ristori #decreto #sostegno #babysitter #marcobrunacci #polepolitik