Zone rosse per Perugia e 4/5 della provincia: verso scuole chiuse (anche le materne) e autocertificazione per uscire di casa

6 Febbraio 2021

POLE POLITIK di MARCO BRUNACCI | La sanità, dati alla mano, ha vinto anche le ultime resistenze. Si chiude per 15 giorni, sperando nei report giornalieri (oggi 351 contagi e tasso di positività al 4%). Guerra ai cluster: primi successi nel tracciamento contro la variante brasiliana

di Marco Brunacci

PERUGIA – L’ultima riunione tra vertici della Regione e responsabili della sanità della intensa giornata è terminata (con buona pace dei De Luca che stanno vivendo così male la crisi di identità dei grillini, che dopo essere stati salvinizzati, zingarellati pare siano ora anche draghizzati).

L’ordinanza della Regione è cosa fatta: 4/5 della provincia di Perugia vanno in zona rossa da lunedì e si va verso una chiusura praticamente totale delle scuole in presenza che era l ‘ultimo nodo da sciogliere.
Dati alla mano la sanità ha spiegato che è meglio tenere a casa i ragazzi delle elementari e delle prime medie insieme agli altri di medie e superiori. Ma anche i bimbi delle scuole materne (quasi certa anche la chiusura degli asili).
Per il resto tutto scontato: da lunedì e per 15 giorni (ma con la speranza dei monitoraggi giornalieri e oggi non è andata malissimo) si esce da casa, in 4/5 della Provincia di Perugia, solo con autocertificazione, si va a fare spesa solo una volta al giorno per famiglia, mentre restano chiusi i negozi di merci non indispensabili.

#coronavirus #umbria #contagi #covid19 #mascherina #vaccino #zonarossa #perugia #marcobrunacci #polepolitik