in , ,

L’“umbro” Draghi convocato da Mattarella per un Governo di svolta. Dalle Regioni le prime attenzioni

POLE POLITIK di MARCO BRUNACCI | Intorno al suo “rifugio” di Città della Pieve in tanti da tempo erano sicuri che sarebbe stato chiamato a mettere la sua competenza e le sue relazioni internazionali al servizio del Paese. Dagli amministratori locali che attendono risorse e vaccini i primi segnali positivi

di Marco Brunacci

PERUGIA – In Umbria, in verità, si parlava già di Mario Draghi premier da un paio di mesi ma non nel modo (chi sperando, chi temendo, chi strologando) del resto d’Italia. Ne erano convinti i pochi che hanno contatti con la “sua” Città della Pieve, dove l’ex presidente della Bce si rifugia ogni qual volta non è a Roma.

E adesso che è ufficiale la chiamata del presidente Mattarella (l’“umbro” Draghi è stato convocato per domani alle 12 al Quirinale per risolvere la crisi politica), dall’Umbria arrivano i primi segnali positivi.
Non è un caso che i primi commenti pieni di attenzione sono arrivati proprio nel tam tam tra presidenti di Regioni, destra e sinistra con sensibilità diverse ma uguale desiderio di aiutare un Paese che chi guida le amministrazione locali avverte come prossimo a una sorta crack psicologico, ancor prima che sociale ed economico e sociale.
Prima che dai partiti, potrebbe arrivare dalle Regioni un significativo consenso per un personaggio in grado di mettere la sua indiscussa competenza al servizio del Paese in emergenza, andando a dialogare con i grandi della scena internazionale.
Trovando quelle risorse (parliamo di fondo ma anche di vaccini) indispensabili per uscire la gente dallo sprofondo nella quale è stata precipitata dal virus.
Si sa – dai pochissimi che hanno avuto modo di sentirlo – che Draghi avrebbe accettato l’incarico con garanzie di poter agire mantenendo una sua autonomia di giudizio e di azione. Il modo migliore per mettere competenza al servizio del Paese. E alcuni passaggi cruciali dell’intervento del presidente Mattarella sono li a testimoniare su che garanzie Draghi per un’azione serena e determinata potrà contare.

#mariodraghi #umbria #cittàdellapieve #marcobrunacci #polepolitik

Critiche alla Regione/Squarta e Pace addolciscono il ruvido Zaffini, ma FdI vuol discutere soprattutto di Piano sanitario

Borgo XX Giugno (foto comune.perugia.it)

Perugia, a Borgo Bello torna la spesa sospesa per chi ha bisogno