La provincia di Perugia torna arancione con il resto dell’Umbria; ma non riapre le scuole (a eccezione dei nidi). Il testo dell’ordinanza

26 Febbraio 2021

POLE POLITIK di MARCO BRUNACCI | Un successo regionale contro la fase 3 del virus e l’attacco delle varianti. Secondo le anticipazioni di Cityjournal da domenica sarà possibile visitare parenti e amici (non più di due persone, oltre ai minori di 14 anni). Riaprono i negozi di abbigliamento.

di Marco Brunacci

PERUGIA – La provincia di Perugia torna arancione come il resto dell’Umbria. Ma non saranno riaperte le scuole (ad eccezione nei nidi, per i bambini da 0 a 36 mesi).

Da domenica sarà possibile tornare a far visita ai parenti (due persone adulte, più eventuali minori di 14 anni). Riapriranno i negozi di abbigliamenti. Non sarà più necessario il modulo per gli spostamenti, che restano comunque vietati tra regioni ma anche tra comuni (con l’eccezione del raggio di 30 chilometri a partire da un piccolo comune).
L’Rt (1,07 complessivamente per l’Umbria) viene comunque considerato ad alto rischio per la provincia di Perugia, quindi massima attenzione per i dati della prossima settimana.
Quello ottenuto dall’Umbria non è un risultato di poco conto, tenendo presente che tutta Italia sta peggiorando e solo qui si è riusciti a invertire la tendenza, con interventi evidentemente mirati che hanno ottenuto il risultato di fermare l’espansione del virus.
È ragionevole pensare che proprio dall’Umbria, per colpa dell’incrociarsi delle varianti e di alcune altri contraccolpi sul territorio, sia partita la fase 3 del virus, che ora sta cominciando a interessare il resto d’Italia. L’intervento della giunta Tesei è stato adeguato alla gravità della situazione. Il risultato ottenuto positivo. Ora si tratta di convivere con le varianti che ormai ci sono. Sapendo che comunque col virus stesso, in tutte le sue forme, si deve stare insieme finchè non parte – ed è una responsabilità del Governo e della Ue – una vera campagna di vaccinazione di massa come quella che è in corso in Gran Bretagna (20 milioni di già vaccinati) e non questa cosa col contagocce che le Regioni sono costrette a mettere in scena.
Per chi volesse approfondire cosa si può e cosa non si può fare per la prossima settimana (a partire da domenica), ecco il testo completo dell’ordinanza della presidente Tesei sulla zona arancione per tutta l’Umbria.

L’ordinanza

#coronavirus #umbria #contagi #notizie #vaccino #umbria #covid19 #arancione #scuola #nido #infanzia #marcobrunacci #polepolitik