Draghi fa sperare: l’Italia ripartirà da più vaccini. L’Umbria migliora l’Rt (1,07) ma è pronta al rosso

11 Febbraio 2021

POLE POLITIK di MARCO BRUNACCI | Nel giorno del report della sanità umbra, in attesa delle decisioni del Governo uscente (o di una anticipazione di quello entrante), ecco lo stato della guerra al Covid

di Marco Brunacci

PERUGIA – Nel giorno del report della sanità umbra tutti dicono tutto, quindi è chiaro che sul Covid è il momento di fare una pausa. Breve riassunto dell’11 febbraio.

Oggi l’unico numero incontrovertibile è il seguente: l’Rt (indice che vale per quel che vale) dell’Umbria e’ 1.07 mentre la settimana scorsa era 1.18. Migliorato. I contagi nell’ultimo giorno sono diminuiti ma sono aumentati i ricoveri. Perché? Nessuno della sanità aveva una spiegazione, neanche uno straccio di ipotesi.
Stando alle dichiarazioni, potrebbe oggi aumentare il numero dei Comuni arancioni o invece diventare rossa tutta la regione. Attendere per sapere.
Invece i presidenti di Regione riuniti con il ministro a orologeria Boccia sono terrorizzati dalla varianti e vedono ogni riapertura di attività come una minaccia. Figurarsi l’Umbria che le varianti ce ne ha di tutti i generi.
Bertolaso ha detto alla radio che ce lo possiamo scordare di fare un tranquillo Natale 2021 e anzi la prossima settimana o quella successiva, arriva la terza ondata di Covid. Evviva: anche Bertolaso è entrato nella miriade di profeti che affollano il pianeta. Avessimo lo stesso numero di vaccini e di profeti, avevamo risolto.
Penultima nota: il Governo in scioglimento deve ancora esprimersi sui 50mila vaccini in più per l’Umbria, che pure non bastano neppure per gli ultrottantenni (naturalmente non si è occupato di monoclonali). Si attende comunicazione ufficiale.
Una cosa buona, per finire la giornata: il nuovo premier Draghi ha confermato che trovare più vaccini per l’Italia sarà il suo primo e fondamentale impegno.
Tra i milioni di profeti in circolazione ce ne sarà uno per dirci se Draghi riuscirà nell’intento?

#coronavirus #umbria #contagi #vaccino #rt #mariodraghi #marcobrunacci #polepolitik