Celle di sicurezza a norma, conclusi i lavori di adeguamento in Questura

17 Febbraio 2021

Le strutture sono state conformate agli standard previsti dal Comitato europeo per la prevenzione della tortura e dei trattamenti inumani

TERNI – La custodia di polizia è di durata relativamente breve, tuttavia, in linea con la normativa europea, devono essere soddisfatti alcuni requisiti concreti fondamentali, come la grandezza delle celle, che deve essere ragionevole rispetto al numero di persone che solitamente le occupano, l’illuminazione, preferibilmente luce naturale, che deve essere adeguata (per esempio sufficiente per poter leggere, escluse le ore di sonno).

Inoltre, le celle devono essere attrezzate con mezzi di appoggio (come sedie fisse o panche) e dotate di materasso e coperte puliti. La Polizia di Stato di Terni ha ultimato proprio in questi giorni i lavori di adeguamento delle camere di sicurezza presenti nella propria struttura, che ora rispondono appieno agli standard previsti dal Comitato europeo per la Prevenzione della Tortura e delle pene o trattamenti inumani o degradanti. Si tratta di un ulteriore valore aggiunto nel rapporto tra la Questura e la Procura della Repubblica, dato che la disponibilità di camere di sicurezza a norma e rispettose dei diritti delle persone arricchisce ulteriormente l’operatività della Procura ternana.