«Agnelli, Panella, Orlandi, Romagnoli e Rosignoli: il full d’assi di cui ha bisogno la sanità»

25 Febbraio 2021

Fora: la presidente Tesei li chiami a collaborare

di Andrea Fora, consigliere regionale Patto civico per l’Umbria
(riceviamo e pubblichiamo)

PERUGIA – La situazione dell’emergenza sanitaria in Umbria sta degenerando a livello di programmazione e gestione. Oggi è andato il tilt il portale regionale di prenotazione dei vaccini.

Da settimane ormai le terapie intensive sono stracolme senza un piano pandemico regionale in grado di pianificare in termini non improvvisati i presidi Covid ospedalieri, i focolai nelle Rsa sono ripartiti, il monitoraggio e il sistema di tracciamento dei positivi è precario. Si tratta di problemi riscontrabili anche in altre regioni, ma in Umbria pare che ormai la macchina organizzativa sia totalmente fuori controllo. Come ho detto in altre occasioni questo non è il tempo della guerra e degli attacchi politici, nè delle Commissioni d’Inchiesta per individuare le colpe e le responsabilità. Quel tempo arriverà. Ma ora gli umbri, la comunità medica, i pazienti, le famiglie hanno bisogno di una guida, che sembra non esserci. Nell’emergenza oltre ai titoli accademici conta soprattutto la conoscenza del ‘campo da guerra’ e stiamo pagando lo scotto di chi, ad esempio, non ha mai visto l’ospedale di Norcia o una corsia ospedaliera di Pantalla. Le professionalità in Umbria ci sono, alcune sono andate anche fuori regione. É tempo che la Presidente della Regione, Donatella Tesei chiami a collaborare, nelle forme e nei modi che riterrà più utili, un full d’assi di indiscusso valore e soprattutto che ha una conoscenza certosina delle ‘truppe in campo’ per battere il COVID. Mi prendo l’onere di avanzare alcuni nomi, sapendo che è sempre antipatico farli, ma la grave situazione non consente ulteriori tentennamenti: Giancarlo Agnelli, Vincenzo Panella, Walter Orlandi, Carlo Romagnoli, Gigliola Rosignoli. Sono professionalità di primaria competenza, autorevolezza e profonda conoscenza della macchina sanitaria umbra. Non li ho contattati, non conosco le loro eventuali disponibilità, ma sono certo che la Presidente Tesei, libera da condizionamenti di parte, non avrebbe difficoltà a interloquire velocemente con alcuni o ciascuno di loro verificandone disponibilità, modi e tempi d’ingaggio. Non significa restaurare posizioni antiche, ma agire velocemente prima che la situazione degeneri totalmente. Poi arriverà il tempo per ridisegnare la sanità regionale e pensare a una riorganizzazione complessiva, necessità che era chiara fin dall’insediamento di questa nuova Giunta, ma che oggi è impensabile attuare. Un full d’assi per una task force legata all’emergenza, che conosce tutte le truppe sanitarie in campo e può dunque gestirle nel migliore dei modi per vincere questa sfida. Non è il tempo di analizzare le colpe passate della sanità regionale. Nè quelle presenti. Non è il tempo di attribuire colori e targhette politiche e di partito alle persone. Non è il tempo di continuare ad alimentare le guerre interne alla sanità, che purtroppo si consumano sulla pelle degli umbri. Oggi è il tempo della responsabilità. Prima che sia troppo tardi. Presidente Tesei, agisca subito.

#coronavirus #umbria #contagi #notizie #vaccino #sanità #andreafora