in

«Ragazzi, diventate geometri: c’è lavoro e bisogno di voi»

L’Umbria, la ricostruzione e la riflessione del presidente Enzo Tonzani

PERUGIA – «Quella del geometra è una professione della quale oggi c’è molto più bisogno che in passato ma i tecnici formati per praticarla sono sempre meno».

Parte da questa riflessione Enzo Tonzani, presidente del Collegio dei geometri e geometri laureati della provincia di Perugia, esprimendo la sua preoccupazione per la carenza di giovani geometri professionisti sul territorio. Lo fa in un momento significativo in chiave ricostruzione post sisma da una parte e perché è tempo della scelta del percorso di studi per gli studenti che devono iscriversi alle scuole superiori dall’altro. «La ricostruzione adesso sta realmente partendo – ha commentato Tonzani – e c’è bisogno di professionisti che possano affrontarla con le giuste competenze, lo stesso discorso vale per tutta la partita dei bonus e degli incentivi fiscali. Sono attività che richiedono sopralluoghi, disegni, progettazione e istruzione delle pratiche da parte di tecnici formati». «I geometri in attività – ha aggiunto il presidente Tonzani – sono sempre meno perché non c’è un ricambio generazionale sufficiente a rimpiazzare chi va in pensione, tanto meno a fare crescere la categoria». Nel corso degli ultimi quatto anni, secondo i dati forniti, il Collegio dei geometri della provincia di Perugia ha visto una significativa flessione con una diminuzione di circa 300 iscritti che si attestano nel 2020 a circa 1.800. «Dalle scuole con indirizzo per geometri, Cat costruzioni ambiente e territorio – ha concluso Tonzani –, vengono fuori pochi diplomati quando oggi ci sarebbero opportunità lavorative e professionali importanti e questa è una cosa su cui mi auguro che i giovani e le loro famiglie riflettano con attenzione nella scelta del percorso di studi». L’iscrizione alle scuole superiori per l’anno 2021-2022 sarà infatti dal 4 al 25 gennaio.

#geometri #perugia

Imposte tasse conti

Pronta “pioggia” di cartelle esattoriali, Fioroni: «Proroga alla sospensione»

Da Nocera Umbra due percorsi scolastici per raggiungere il mondo