in ,

Da anni picchia e minaccia la mamma per i soldi della droga: la sorella scopre tutto e con un colpo di genio lo fa arrestare

Il dolore e il coraggio di una madre

VALFABBRICA (Perugia) – Per anni ha tollerato le angherie del figlio, ha sopportato schiaffi, pugni e minacce di morte, senza mai denunciarlo.

Alla fine la donna, esasperata, è riuscita a trovare il coraggio di denunciare tutto ai carabinieri, che hanno fatto scattare le manette ai polsi del ragazzo. Il giovane 27enne fino a qualche anno fa non aveva mai evidenziato comportamenti anomali poi, verosimilmente, secondo la ricostruzione dei militari, le sostanze stupefacenti di cui faceva uso lo hanno trasformato in aggressivo, violento e pericoloso. Anni di vessazioni continue, richieste incessanti di denaro, sopportate in silenzio dalla mamma senza mai riferire nulla a nessuno. Pochi giorni fa però una telefonata con la donna fa insospettire l’altra figlia: intuisce che la mamma è in qualche modo in pericolo, che c’è qualcosa che non va. Si è infatti poi accertato come la donna abbia risposto al telefono con un coltello alla gola, con il figlio che la minacciava di non dire nulla a nessuno di quello che stava accadendo, dopo averla colpita alla testa per chiedere ancora denaro. Una situazione che la sorella del 27enne non poteva neanche immaginare, ma la voce era abbastanza strana da convincere la ragazza a salutare la madre come se nulla fosse e chiamare immediatamente il numero di emergenza 112. Sul posto arrivano così i carabinieri della Stazione di Valfabbrica. Il ragazzo viene immediatamente bloccato, addosso aveva ancora il telefono cellulare della mamma, sottratto per evitare di farle chiedere aiuto.
Una volta in caserma la donna, evidentemente provata dalla situazione, ma ancora combattuta tra l’istinto di madre e la volontà di ritrovare una vita normale, grazie anche alla capacità di ascolto dei militari dell’Arma, trova la forza e denuncia tutto. Sono venuti così alla luce anni di vere e proprie vessazioni, botte, insulti e minacce. Il ragazzo, incensurato, è stato quindi arrestato e accompagnato al carcere di Perugia-Capanne, la mamma invece al pronto soccorso per le cure del caso.

#valfabbrica #carabinieri

Reception di un albergo. Repertorio

«Alberghi vuoti ma i Comuni chiedono comunque la tassa sui rifiuti»

Musica e creatività più forti del Covid: torna il concorso Zangarelli