Una vetrata e un citofono per non far sentire soli gli anziani

2 Dicembre 2020

L’iniziativa al Muzi Betti di Città di Castello

CITTÀ DI CASTELLO (Perugia) – Belle storie al tempo del Covid. Anziani e parenti ora si potranno vedere ed ascoltare da dietro una vetrata in un angolo in sicurezza e sentire attraverso un citofono.

Accade a Città di Castello alla Asp Muzi Betti, azienda pubblica di servizi alla persona. «Chiudere gli ingressi ai parenti, agli amici e ai tifernati, che, nel fine settimana, venivano a farci visita, è stata una decisione difficile, ma, obbligata, la priorità è stata quella di salvaguardare la salute dei nostri ospiti, particolarmente vulnerabile. Ci siamo subito accorti che a loro mancava tantissimo il contatto con i familiari, quindi oltre alle video chiamate, abbiamo pensato di istallare davanti ad una vetrata un interfono, in modo che, oltre al contatto visivo è stato possibile avere un contatto verbale. Gli ospiti ora, potranno non solo vedere parenti ed amici, che resteranno all’esterno, nella zona antistante, sotto una grande tettoia, ma, potranno vedere e sentire quelle voci care, che per troppo tempo erano rimaste nel silenzio», dichiara la presidente del consiglio di amministrazione, Andreina Ciubini, nel sottolineare questa novità che è stata apprezzata moltissimo da familiari e ospiti della struttura.

#coronavirus #umbria #covid19 #anziani #muzibetti