in

Rifiuti abbandonati, ad Assisi indagini e zona sotto sequestro

La discarica abusiva a Petrignano

ASSISI (Perugia) – Ancora rifiuti abbandonati in via de Plaisant nella zona di Petrignano. Non è la prima volta che accade, ma stavolta, oltre a Ecocave per la rimozione, è intervenuta la polizia locale con l’avvio delle indagini finalizzate all’individuazione del responsabile o dei responsabili.

Il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti, purtroppo, non è sporadico in particolare in questa zona di Petrignano, area privata e poco frequentata, luogo spesso scelto da chi compie questo tipo di illeciti ambientali. L’amministrazione comunale ha da tempo avviato un’azione di vigilanza e controllo anche attraverso il sistema di videosorveglianza. Nel caso in questione è stata scoperta quasi una discarica abusiva con rifiuti meccanici, ricambio di auto, parti di carrozzerie e di elettrodomestici, e l’area è stata sottoposta a sequestro giudiziario dalla polizia locale prontamente intervenuta subito dopo la segnalazione. Nello stesso posto, sempre la polizia locale ha individuato e sanzionato un cittadino che, non curante delle regole e della raccolta differenziata che serve ormai tutto il territorio, ha abbandonato due sacchi contenenti rifiuti misti e organici. Grazie al lavoro di vigilanza ambientale del personale di Ecocave, è stato possibile rintracciare il responsabile del gesto a cui è stata inflitta una multa di 200 euro. Su disposizione del comandante Antonio Gentili sono stati intensificati i controlli dei vigili in tutte le aree periferiche della città e come ha riferito il sindaco Stefania Proietti «le azioni di controllo ambientale ci permettono di salvaguardare il nostro territorio ma anche di intensificare la lotta all’evasione fiscale. Gettare i rifiuti e inquinare è un illecito, un reato, è bene ripeterlo: per questo continueremo a essere inflessibili nel controllo e nella repressione. La vigilanza e la segnalazione da parte del cittadini è essenziale».

#assisi #rifiuti #indagini

Corruzione, la guardia di finanza arresta un suo ispettore

Mostre e musei chiusi? L’arte ora va sul web