Advertisement

Musica, la pandemia ispira il nuovo brano del duo perugino Basement’s Glare

24 Dicembre 2020

“Rise of the Enlightened” è la canzone scritta per i titoli di coda del film horror Flesh Contagium

PERUGIA – Dopo il debutto del primo singolo “Red Zone”, i Basement’s Glare collezionano un nuovo successo con il brano “Rise of the Enlightened (Flesh Contagium)”.

Advertisement

Questa nuova canzone del duo perugino formato da Riccardo Adamo (voce, melodista e paroliere) e Daniele Marinelli (chitarra e arrangiamento) è stata infatti composta come traccia per i titoli di coda del film “Flesh Contagium”, un horror indipendente diretto dal regista Lorenzo Lepori e con la fotografia di Alex Visani. Il gruppo di recente formazione vanta un’intensa attività, ha infatti all’attivo un EP (Basement’s Glare) uscito a giugno 2020 ed è a lavoro su diverse pubblicazioni discografiche nel corso del 2021. L’opera “Rise of the Enlightened (Flesh Contagium)” è stata commissionata ai due musicisti che si occupano di composizione musicale, doppiaggio e sound design e sono stati contattati dalla produzione del film per scrivere la canzone che chiude la pellicola. «Siamo molto soddisfatti – hanno commentato Adamo e Marinelli – per questa collaborazione che ci ha entusiasmati dal primo momento. Il periodo difficile legato alla pandemia ci aveva già ispirato la composizione di ‘Red Zone’ durante il primo lockdown e quindi abbiamo preso al balzo l’occasione di approfondire questa tematica. Come artisti, ci ha stimolato l’idea di portare all’estremo l’ipotesi delle conseguenze di una situazione come quella che stiamo vivendo». Il film, in uscita su Amazon prime all’inizio del 2021, parla infatti di pandemia in un contesto distopico, quindi di un mondo devastato da un virus sfuggito al controllo. Il brano “Rise of the Enlightened (Flesh Contagium)”, già pubblicato sui canali social Facebook, Instagram e Youtube di Basement’s Glare, sarà sugli store online da giovedì 24 dicembre.

#musica #BasementsGlare

Advertisement