in ,

Dal Covid ai soccorsi, in un anno oltre 18mila interventi dei vigili del fuoco

A Perugia e Terni celebrata la patrona dei pompieri santa Barbara

PERUGIA – Il 4 dicembre ricorre la festività di santa Barbara, patrona dei vigili del fuoco e come ogni anno i Comandi di Perugia e Terni celebrano la ricorrenza.

Qui Perugia. I vigili del Comando di Perugia, con in testa il comandante provinciale, Michele Zappia, festeggiano la loro patrona, ma quest’anno in forma strettamente riservata a causa delle misure di contenimento disposte a contrasto della diffusione epidemiologica del virus Covid 19. «Saremo comunque vicini, con il pensiero, ai colleghi dell’Associazione Nazionale
V.V.F., ai i familiari e tutti gli amici, che abitualmente visitavano le nostre sedi di servizio per onorare la nostra patrona – si legge in una nota del Comando di Perugia». Il programma prevede alle 9.30 l’apposizione della corona di alloro, in ricordo dei colleghi caduti in servizio, da parte del Comandate, del Dirigente Vicario, dei Funzionari e del personale presente. Alle 10.30, nella Chiesa parrocchiale di San Raffaele Arcangelo di Madonna Alta, celebrata una messa, nel rispetto dei protocolli di sicurezza vigenti per le celebrazioni liturgiche, alla presenza di una ristretta rappresentanza delle autorità militari e civili.
A seguire il saluto del comandante Michele Zappia, illustrando l’opera
svolta dagli uomini del Comando di Perugia in questo anno 2020, che a causa dell’emergenza epidemiologica è stato, senza alcun dubbio, particolarmente complesso sia per la organizzazione interna che per la specifica complessità degli interventi effettuati. Tale situazione ha messo a dura prova tutte le componenti del Comando, che hanno comunque dato un efficace quanto immediata risposta, dimostrando come sempre coraggio, abnegazione e professionalità. Gli interventi legati all’emergenza epidemiologica hanno visto operare il personale VF, impiegando tecniche e procedure NBCR, come supporto ai sindaci, per sanificare le aree esterne degli edifici pubblici e per la consegna di medicinali e beni di prima necessità alle persone positive al COVID-19 isolate nelle proprie abitazioni. Tale particolare impegno operativo si è aggiunto alle
consuete attività operative per incendi, incidenti stradali, soccorso e ricerca persone, incendi boschivi e allagamenti in genere; inoltre, nelle aree della Valnerina, colpite dal sisma del 2016, opera costantemente un contingente di personale VF specializzato nelle demolizioni al fine di ripristinare la viabilità ed i servizi essenziali. Complessivamente, da inizio anno ad oggi sono stati
effettuati 13612 interventi di soccorso.
La festività di Santa Barbara viene celebrata anche nelle sedi dei distaccamenti permanenti e volontari con una celebrazione liturgica presso la Chiesa della Parrocchia nella quale ricade la rispettiva sede distaccata, negli orari abituali per le messe pomeridiane officiate dal Parroco della stessa Parrocchia. Il 4 dicembre rappresenta, da sempre anche un momento simbolico di celebrazione per tributare il riconoscimento dovuto e sentito a tutti coloro che nello svolgimento del proprio dovere, servizio fondamentale hanno sacrificato la loro vita nell’adempimento del dovere. «La nostra Santa Patrona, Barbara – prosegue la nota -, ci induce a rivolgere un commosso pensiero alla memoria di quei colleghi che compongono la lunga lista di quanti hanno confermato con l’estremo sacrificio il loro incondizionato senso del dovere; purtroppo anche questo anno la lista si è dolorosamente allungata. A loro, ai nostri colleghi che non ci sono più, ed ai loro familiari, viene dedicata, con profondo deferenza e
con tanta commozione, da sempre, questa giornata».

Qui Terni. Mai come quest’anno i vigili del fuoco si sono affidati alla loro santa protettrice per superare nuovi e difficili momenti. Ed è proprio a causa dell’emergenza Covid19 che quest’anno i vigili del Comando provinciale
di Terni, come tutti i loro colleghi italiani, festeggiano in maniera sobria e contenuta, in osservanza alle normative anti Covid 19 e delle indicazioni fornite dal Capo del Corpo. La ricorrenza è celebrata solo con un rito religioso nel Duomo di Terni dal vescovo Giuseppe Piemontese, in forma ristretta, alla presenza del comandante provinciale Giancarlo Cuglietta, del prefetto di Terni Emilio Dario Sensi, del sindaco Leonardo Latini e del comandante del Polo di mantenimento armi leggere Generale di Brigata Vincenzo San Filippo con una ristretta delegazione ed una piccola rappresentanza dell’Ass. Naz. Vigili del Fuoco. Presente inoltre un picchetto d’onore composto dai ragazzi dell’89° corso allievi VV.F. che stanno effettuando il periodo di formazione presso il Centro Formazione Territoriale di Terni. Nella sede centrale prevista una cerimonia per l’alzabandiera e la deposizione di una corona al monumento ai Vigili del Fuoco caduti in servizio.
Quest’anno, i vigili del del Comando Provinciale di Terni hanno effettuato fino ad oggi circa 4500 interventi per soccorso tecnico urgente, varie come sempre le tipologie d’intervento, che vanno dagli incendi agli incidenti stradali, verifiche, disinfestazioni imenotteri, soccorsi a persona e ricerca persone scomparse o disperse. Capitolo a parte e nota dolente di questo 2020, i numerosi interventi nell’ambito delle attività di protezione civile per l’emergenza pandemica. Molte sono state infatti le situazioni in cui in vigili del fuoco si sono adoperati a tutela della popolazione per la sanificazione di strutture pubbliche,
uffici amministrativi e militari, strade e parchi pubblici in tutta la provincia.
«La formazione professionale e la capacità di adattarsi ad ogni emergenza – conclude una nota del Comando provinciale di Terni – ha fatto sì che anche a questa nuova sfida i Vigili del Fuoco hanno saputo rispondere prontamente come sempre con dedizione, capacità e tanto cuore».

#perugia #terni #vigilidelfuoco #santabarbara

Esplosione da Gpl nella notte: uomo riporta ustioni sull’80 per cento del corpo

L’Umbria di nuovo in fascia gialla: alle medie si torna in classe e stop alle restrizioni per il commercio