Advertisement

Rumors (da confermare) sostengono: ceduta da Thyssen la maggioranza dell’Ast. In campo nuova Finsider e banche

9 Ottobre 2020

POLE POLITIK di MARCO BRUNACCI | La clamorosa indiscrezione rimbalzata in tarda serata. Secondo le stesse fonti, in attesa però di conferma, sarebbe il polo pubblico-privato dell’acciaio ad essersi mosso con Invitalia e l’appoggio di una grande banca

di Marco Brunacci

PERUGIA – Rumors, però da confermare, dicono che è stata ceduta la maggioranza dell’Ast di Terni da parte dei tedeschi di Thyssen. In attesa di una qualche indicazione ufficiale, però, prendendo pure tutte le distanze necessarie del caso, è chiaro che l’informazione è di quelle da riportare perché aprirebbe scenari che possono essere considerati positivi per il tormentato sito ternano dell’acciaio.

Advertisement

Ci sarebbe – dicono gli stessi rumors – l’impegno della nuova Finsider, così viene chiamato l’impegno di partner privati e pubblici (Invitalia) per intervenire in un settore tanto delicato per l’economia nazionale ma che ha bilanci da sistemare e prevede impegni finanziari molto consistenti. Cityjournal aveva dato conto di trattative che stavano andando avanti da prima dell’estate, con un progetto preciso intorno a una ipotesi chiamata “Acciaio Italia”, che avrebbe aperto orizzonti importanti non solo per Terni ma anche per gli altri siti produttivi dell’acciaio in Italia. Ora si tratta di capire se l’indiscrezione trapelata nella tarda serata di ieri abbia fondamento e che tipo di fondamento. E se questo è stato davvero il primo atto della nuova società. City journal aveva già scritto, senza essere smentito, che era la stessa presidenza del consiglio dei ministri ad aver seguito le mosse della delicata rinascita dell’intervento pubblico in siderurgia, visti gli eccezionali momenti che l’economia nazionale ed europea sta vivendo. E l’Europa, al pari dell’Italia, è interessata a dipanare nel modo migliore questa intricata matassa.Si spera che ad ore si sappia qualcosa di più preciso. Se l’indiscrezione verrà però confermata, può prendere forma una realtà nuova, con molte prospettive. Per l’Italia e l’Europa, come detto. Ma in questo caso soprattutto per l’Umbria. Ora si tratta solo di attendere per sapere.

#ast #terni #marcobrunacci #polepolitik

Advertisement

This website uses cookies.