Advertisement

Referendum, stravince il “sì”: gli umbri rinunciano a 7 parlamentari su 16

22 Settembre 2020

Alle urne poco meno di un avente diritto su due. Il 69% è a favore della riforma: dato allineato a quello nazionale

UMBRIA – Vince il “sì”. Vince, anche in Umbria, la volontà di tagliare rappresentanti – rappresentatività? Forse. Costi: sicuro – e alle urne l’intenzione si manifesta: chiara, schiacciante. In Umbria, da nord a sud, dice “sì” alla riduzione del numero dei parlamentari il 68,72% dei votanti, 221.989 schede in termini assoluti: un plebiscito, perfettamente allineato al dato nazionale.

Advertisement

Confermata la riforma, l’Umbria a partire dalla prossima legislatura perderà 7 parlamentari. Non più 16 quindi, ma 9: 7 deputati e 2 senatori che avranno il compito, in un parlamento a 600 teste e non più a 945, di rappresentare gli interessi dei cittadini e le istanze del territorio. Da Città di Castello a Norcia, da Perugia al Trasimeno, da Foligno a Terni passando per Todi, Orvieto e Spoleto. A deciderlo è stato il 53,8% degli italiani, tanti quelli che si sono recati alle urne. Nei seggi umbri, invece, a votare è andato il 48,75% degli aventi diritto.

#referendum #taglio #parlamentari #voto #urne #scrutinio #sì #no

Advertisement

This website uses cookies.

%%footer%%