Advertisement

Esercito a Fontivegge, Pd: «Basta propaganda»

8 Settembre 2020

Il gruppo consiliare in Regione: «Sulla sicurezza la Lega ha fallito, si rivendica una vittoria senza interrogarsi però sui motivi di tale necessità»

PERUGIA – «La Lega rivendica l’esercito a Fontivegge come una vittoria epocale, senza interrogarsi però sui motivi di tale necessità. Il tutto a 2.276 giorni di governo di destra a Perugia». Così il gruppo consiliare del Partito democratico, «in merito all’arrivo dell’Esercito a Perugia».

Advertisement

«Perugia si trova ad affrontare un peggioramento del ‘problema sicurezza’ su cui la Lega ha basato le sue campagne elettorali. Un problema – proseguono i consiglieri dem – che la Lega alla guida di questa città con Andrea Romizi, ormai da 7 anni, non solo non ha risolto, ma ha cavalcato dietro conferenze stampa, annunci, post e sfilate nel quartiere di Fontivegge». «Ringraziando tutte le Forze dell’Ordine che presidiano il territorio- scrivono i consiglieri regionali Dem -, bisogna registrare, purtroppo, che i fatti di cronaca parlano chiaro e raccontano di episodi preoccupanti. Preoccupano i cittadini, ma pare non preoccupare il partito di Salvini che, guidato in città dal Senatore Pillon, ha concentrato gli sforzi di tutti i suoi rappresentanti istituzionali, nel rivendicare l’arrivo a Perugia di una pattuglia di militari del contingente ‘Strade Sicure’. Una pattuglia che arriva solo oggi e non di certo grazie alla Lega, che pure ha guidato proprio con Matteo Salvini il Ministero dell’Interno nel 2018/2019».

Per il gruppo regionale del Pd «la Lega è partito in totale difficoltà, più impegnato nelle conferenze stampa e nel ringraziare continuamente il leader nazionale per cose che non ha fatto piuttosto che affrontare nelle sedi preposte che cosa sta accadendo alla città che governano. Ormai – concludono – è un dato di fatto: la destra a Perugia, priva di qualunque visione e progetto, ha fallito. La Lega non vuole assumersi le responsabilità di questo clamoroso fallimento».

Advertisement

This website uses cookies.