Advertisement

Perugia base di un traffico internazionale di droga: sequestrati 2 milioni di euro di marijuana

6 Agosto 2020

Spedita dalla Spagna e destinata nel Regno unito, transitava per l’Umbria: maxi operazione della guardia di finanza

PERUGIA – L’operazione è stata chiamata China Express, e non è un caso. Mesi e mesi di indagini tra intercettazioni telefoniche e ambientali, riprese audiovideo, trojan installati dispositivi elettronici degli indagati: tutto iniziato con l’arresto di un cittadino cinese che «in combutta con altri connazionali sparsi sul territorio nazionale ed estero, faceva parte integrante di un’associazione a delinquere con base a Perugia» dedica al traffico di stupefacenti in mezza Europa. Marijuana, che spedita dalla Spagna transitava in Umbria per poi arrivare nel Regno Unito.

Advertisement

La ricostruzione della guardia di finanza è netta: è proprio qui, a Perugia, che la presunta organizzazione criminale avrebbe avuto il suo centro. «Per mascherare il commercio illegale – ancora la ricostruzione dei finanzieri – i trafficanti si avvalevano di diverse attività commerciali intestate a meri prestanome, tra cui una ditta di trasporti con un’unità operativa nel centro storico di Perugia». Un business a dir poco redditizio, a giudicare dai sequestri messi a segno dai militari nel corso del tempo: oltre venti pacchi di dimensioni abbondanti.

Le indagini sono state portate avanti con il supporto del Nucleo speciale tutela privacy e frodi tecnologiche di Roma, grazie al quale è stato possibile effettuare ricerche all’interno del “deep web” ed esaminare varie transazioni effettuate tramite criptovalute, tipo bitcoin. I finanzieri, per evitare che i destinatari scoprissero che la “merce” era stata intercettata e sequestrata, volta su volta hanno adottato diversi stratagemmi, tra cui la sostituzione della marijuana con erba innocua, o la simulazione di problemi tecnici relativi alla spedizione.

Gli esami sulla “purezza” della droga hanno permesso di stimare un valore di mercato di 2 milioni di euro. Gli accertamenti patrimoniali svolti dai militari hanno inoltre portato al sequestro di un’automobile, appena acquistata da uno degli associati con i proventi del traffico.

#marijuana #traffico #spaccio #droga

Advertisement