Advertisement

Sicurezza, decoro urbano, recupero spazi pubblici: la Regione stanzia 215mila euro

11 Giugno 2020

Ecco gli interventi. Melasecche: «Così renderemo più sicure le nostre città»

UMBRIA – «Abbiamo definito un ventaglio molto variegato e completo di interventi, con un impegno di 215.000 euro, per rendere più sicura la vita dei nostri concittadini»: così l’assessore regionale Enrico Melasecche ha dato notizia dell’adozione da parte della Giunta regionale dell’atto di programmazione degli interventi per l’anno 2020 in materia di sicurezza urbana.

Advertisement

«La proposta che adesso invieremo all’Assemblea Legislativa per la discussione e l’approvazione – ha affermato Melasecche – prevede infatti molte azioni per l’assistenza e l’aiuto a favore delle vittime dei fatti criminosi, di carattere sociale e sanitario per alleviare il disagio della vittima stessa qualora ne derivi un danno grave o gravissimo alla persona, o a favore dei familiari in caso di morte della vittima. Sono compresi anche interventi per la sicurezza dei cittadini per un impegno di 180.000 euro che porteranno al rinnovo dei Patti per la sicurezza di Perugia e Terni e all’Avviso a sportello per la presentazione dei progetti volti a migliorare la sicurezza dei cittadini. E anche interventi mirati al ripristino del decoro urbano di aree cittadine, finalizzati al recupero collettivo degli spazi pubblici e alla dissuasione delle manifestazioni di microcriminalità diffusa».

«Nell’ambito della Convenzione stipulata con l’Università di Perugia – ha proseguito l’assessore Melasecche – abbiamo rilevato invece la necessità di aggiornare la banca dati regionale sull’andamento dei reati denunciati relativi alle annualità 2018/2019. Utilizzando l’Accordo per la promozione della sicurezza integrata stipulato tra il Ministero dell’Interno e la Regione Umbria proporremo l’interconnessione delle sale operative della polizia locale e delle forze dell’ordine, anche con l’uso in comune dei sistemi di controllo tecnologico del territorio e lo sviluppo di progetti di prevenzione ambientale e rigenerazione urbana volti a favorire condizioni di maggiore sicurezza degli spazi pubblici».

«Infine – ha concluso l’assessore Melasecche – un’attenzione particolare sarà dedicata alla qualificazione dei servizi di polizia locale, anche attraverso una maggiore vicinanza ai cittadini. Un esempio può essere quello dell’utilizzo dei social network, un mondo ancora piuttosto inesplorato, attraverso l’apertura e la gestione di pagine e profili ufficiali; investire sulla relazione con i cittadini e osservare le dinamiche sociali e far conoscere ruolo, funzioni e attività di servizio».

Advertisement

This website uses cookies.