Advertisement

Ospedale di Spoleto: finalmente inaugurata la Tac supertecnologica da 400mila euro

29 Maggio 2020

Per ospitare il macchinario, acquistato dalla Fondazione Carispo, si è reso necessario l’intero rifacimento della struttura

SPOLETO (Perugia) – È stata inaugurata questa mattina al “San Matteo degli Infermi” di Spoleto, la nuova Tac di ultima generazione installata nella struttura complessa di Diagnostica per Immagini dell’Ospedale e donata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Spoleto.

Advertisement

Il nuovo sofisticato strumento diagnostico, una Tac Somatom Go Up con adeguamento hardware e software Megnetom, acquisito dalla Fondazione Carispo per un costo complessivo di circa 400mila euro, è infatti già in funzione da alcuni mesi nel servizio di Diagnostica per Immagini all’indomani della conclusione di importanti lavori strutturali coordinati dagli Uffici Tecnici dell’Azienda Sanitaria che hanno riguardato la sala Tac, la sala comandi, il locale di preparazione e i servizi per un importo pari a 370 mila euro.

Per ospitare il macchinario si è reso necessario l’intero rifacimento della struttura, la realizzazione della platea armata nella sala TAC, delle schermature, di tutti gli impianti elettrici, speciali e di climatizzazione e l’acquisto degli arredi necessari per l’accoglienza e la sicurezza dei pazienti. La nuova Tac del “San Matteo degli Infermi” rappresenta un notevole passo avanti dal punto di vista tecnologico per il servizio di Radiologia dell’Ospedale di Spoleto perché consente l’acquisizione di ampi volumi corporei in pochissimi secondi di scansione e, grazie al nuovo sistema detettoriale, emette una dose di radiazione per il paziente estremamente ridotta rispetto al passato.

Un potenziamento notevole nell’ambito della diagnostica per immagini, soprattutto in emergenza-urgenza, visto che è anche dotata di una ampia gamma di software che consentiranno ai medici analisi e valutazioni più approfondite.

#sanità #ospedale #tac

Advertisement

This website uses cookies.

%%footer%%