Advertisement

Perugia, Comune posticipa Tari. Centrosinistra: «Bene. Accolte nostre proposte»

27 Marzo 2020

Il commento dei gruppi Pd, Idee persone Perugia e Rete civica Giubilei: «Meglio tardi che mai»

di Partito democratico, Idee persone Perugia, Rete civica Giubilei
(riceviamo e pubblichiamo)

PERUGIA – Apprendiamo da una nota stampa del Comune di Perugia che l’Amministrazione ha deciso, infine, di rinviare la prima rata di pagamento della Tari. Coerentemente con quanto da noi chiesto quasi due settimane fa, in piena emergenza sanitaria, non possiamo che esprimere la nostra soddisfazione per vedere accolte diverse delle nostre proposte.

Advertisement

Infatti, di fronte all’iniziale momento di immobilismo del Comune di Perugia, mentre altri Comuni umbri, di diversa guida politica, mettevano in campo misure atte a sgravare anche economicamente cittadini e famiglie dal peso dell’emergenza sanitaria, l’opposizione di centrosinistra a Palazzo dei Priori, con spirito di collaborazione e responsabilità, e lontana dalle polemiche strumentali di cui si sta rendendo protagonista il centrodestra a livello nazionale, aveva suggerito all’Amministrazione Romizi una serie di proposte: la sospensione del pagamento delle rette degli asili nido e di refezione scolastica, il posticipo della scadenza della prima rata Tari e delle bollette di UmbriaAcque per le attività momentaneamente chiuse, nonché una costante informazione alla cittadinanza sulle azioni messe in campo dall’amministrazione stessa.

Meglio tardi che mai, verrebbe da dire. Attendiamo ora di discutere le altre proposte suggerite dall’opposizione di centrosinistra a Palazzo dei Priori, messe nero su bianco prima in una lettera rivolta al sindaco Romizi e poi in un ordine del giorno, che ci auguriamo di poter presto discutere in Commissione e in Consiglio. Entrambi i testi sono ancora in attesa di una risposta. Più che ai consiglieri firmatari, il Comune dovrebbe darla a tutta la città di Perugia.

Advertisement