Advertisement

«Basta mascherine fai da te sul posto di lavoro»

20 Marzo 2020

Covid-19, Sgalla (Cgil): «Rispetto delle prescrizioni sanitarie o si sospendano le attività»

UMBRIA – «Riceviamo in questi giorni diverse segnalazioni da parte di lavoratrici e lavoratori preoccupati per l’utilizzo nelle loro aziende di mascherine non certificate e inadeguate. Vogliamo ricordare che in nessun caso possono essere considerate ‘Dispositivi di protezione individuale’ mascherine fai da te, improvvisate e non rispondenti ai criteri di legge».

Advertisement

Ad affermarlo è Vincenzo Sgalla, segretario generale della Cgil dell’Umbria. «Approfittiamo dell’occasione per ribadire che nelle aziende la cui attività non è stata vietata dall’ultimo decreto del presidente del Consiglio dei ministri – continua Sgalla – vanno rispettate nella maniera più rigorosa le prescrizioni previste dalle autorità sanitarie, a partire dalle dotazioni di Dpi a norma. E che laddove ciò non sia possibile, l’attività va sospesa, attraverso il ricorso agli ammortizzatori sociali, come previsto dal protocollo sulla sicurezza firmato tra Governo, sindacati e parti datoriali».

Advertisement
Advertisement