Advertisement

Volley, la Sir vola in finale: è ancora sfida con la Lube

22 Febbraio 2020

La Coppa Italia all’Unipol Arena dopo il 3-0 inflitto a Modena

PERUGIA – Un ace di Lanza va volare Perugia in finale.

Advertisement

La Sir Safety Conad Perugia gioca infatti una gran partita e sconfigge 3-0 la Leo Shoes Modena nella seconda semifinale della Del Monte®Coppa Italia staccando il pass per la finalissima di domenica 23 febbraio. A contendersi l’ambita coccarda tricolore con i Block Devils, come nelle ultime due edizioni della manifestazione, la Cucine Lube Civitanova capace di ribaltare il risultato, sotto 0-2 contro l’Itas Trentino, nella prima semifinale.

È grande Perugia nel pienone dell’Unipol Arena, con il muro bianco di Sirmaniaci (un migliaio arrivati da Perugia e da ogni parte d’Italia) a spingere forte dagli spalti e con i bianconeri eccellenti in campo, determinati, bravissimi a tenere in ricezione, con una fase break che funziona come un orologio. E poi i campioni di Heynen fanno la differenza su palla alta. Come Atanasijevic, autore di 20 punti e di un clamoroso 81% in attacco, e come Leon, 16 palloni a terra e un’iradiddio quando si alza da posto quattro. Ma che dire di Colaci, una vera sicurezza dietro, e di De Cecco, bravo a far girare tutti e a dare fiducia ai suoi centrali Podrascanin, Russo e Ricci. Ce ne sono poi altri due che non si possono non menzionare. Uno è quell’uomo di ghiaccio di Plotnytskyi, che entra a freddo sul 24-22 del secondo set e piazza l’ace che fa impazzire lo spicchio bianco dell’Unipol Arena con l’ucraino che si batte il petto sotto i suoi tifosi. L’altro è Lanza, che gioca un match di sostanza nei fondamentali di fatica e che poi, sul match point del 25-24 nel terzo parziale, infila la traiettoria imprendibile dai nove metri, quella che fa scorrere i titoli di coda.

La palla ora passa alla finale. All’ennesima sfida degli ultimi anni con Civitanova. Unipol Arena, alle 18, chi vince si prende la coppa.

I commenti

Filippo Lanza (Sir Safety Conad Perugia): «Nell’ultimo pallone mi sentivo di andare libero e tranquillo in battuta ed è andata bene. Grandissima gara la nostra, contro un avversario importante e forte come Modena. La finale di domani? Dovremo lavorare sui dettagli, sulle piccole cose in cambiopalla, sul muro-difesa e fare pochi errori contro una Civitanova che non molla mai e con una panchina lunghissima».

Massimo Colaci (Sir Safety Conad Perugia): «Secondo me siamo stati molto bravi in ricezione a tenere i loro grandi battitori. Poi credo che la nostra fase break abbia fatto la differenza. Questa partita è ovviamente un passaggio fondamentale di questa Final Four, ma poi se non vinci domani conta poco. Contro Civitanova decideranno pochissimi palloni, dei dettagli. Mi aspetto una partita molto complicata, ma bellissima e non vedo l’ora di giocarla».

Il tabellino

SIR SAFETY CONAD PERUGIA – LEO SHOES MODENA 3-0

Parziali: 25-19, 25-22, 26-24

SIR SAFETY CONAD PERUGIA: De Cecco 1, Atanasijevic 20, Russo 3, Podrascanin 6, Leon 16, Lanza 4, Colaci (libero), Zhukouski, Plotnytskyi 1, Piccinelli, Ricci 1. N.e.: Taht, Hoogendoorn, Biglino (libero). All. Heynen, vice all Fontana.

LEO SHOES MODENA: Christenson, Zaytsev 18, Holt 6, Mazzone 3, Anderson 8, Bednorz 12, Rossini (libero), Estrada Mazorra, Bossi 1. N.e.: Pinali, Sanguinetti, Iannelli (libero), Rinaldi, Salsi. All. Giani, vice all. Cantagalli.

Arbitri: Daniele Rapisarda – Andrea Pozzato

LE CIFRE – PERUGIA: 14 b.s., 6 ace, 42% ric. pos., 22% ric. prf., 58% att., 7 muri. MODENA: 12 b.s., 4 ace, 48% ric. pos., 23% ric. prf., 51% att., 6 muri.

Le foto della società:

Advertisement