Advertisement

Don Giorgio per san Biagio anche quest’anno benedice i telefonini

8 Febbraio 2020

Città di Castello, la cerimonia per il protettore della gola. E c’è anche un concorso, più gli zuccherini per gli innamorati

CITTÀ DI CASTELLO (Perugia) – Don Giorgio Mariotti, parroco di Nuvole, anche quest’anno celebra san Biagio, protettore della gola, con la benedizione di cellulari e strumenti hi-tech, come ormai da tradizione.

Advertisement

Lo comunica lo stesso parroco, ricordando ai fedeli i festeggiamenti per san Biagio organizzati per domenica 9 febbraio. «È il nostro titolare – dice don Giorgio – e quindi la più importante festa per noi. Diverse novità ci sono. Per primo partirà il concorso “Cellulari e buone notizie” il 24 gennaio che quest’anno è stato arricchito con diversi premi di cui il primo è un computer portatile. Giovedì 6 alle 21, nella sala conferenze del Seminario in via San Girolamo 2 a Città di Castello, si è svolto un incontro guidato da esperti, sia a livello tecnico che medico, sul corretto uso dei cellulari e sulle possibili conseguenze non buone che possono portare alla salute, sia fisica che psichica, il loro utilizzo non attento. Poi domenica 9 febbraio inizierà con la premiazione del concorso sopra detto alle 9.30. Seguirà il programma religioso con la recita del santo Rosario alle 10.45 e la Santa Messa alle 11.15, sarà con noi padre Gonzalo. Ci sarà la benedizione dei bambini e della gola e al termine benediremo le biade degli animali e proprio i cellulari di cui san Biagio e il protettore avendo operato un miracolo in un bambino che stavo morendo soffocato. Distribuiremo anche i soliti zuccherini in modo particolare quel giorno che è anche la festa degli innamorati».

La seconda novità, annuncia don Giorgio, è la distribuzione dei santini di san Biagio con la preghiera proprio per chi usa questi nuovi mezzi di comunicazione. «È notizia di qualche giorno fa – spiega il parroco – che un tribunale ha condannato l’INAIL a risarcire un dipendente di una ditta nel settore delle comunicazioni a cui è stato riscontrato un tumore causato sembra proprio da questo strumento, nella sentenza vi è raccomandato di fare più possibile informazione su questo utilizzo dei cellulari non corretto. Perché amici la benedizione? Sappiamo che nella Bibbia la benedizione è molto importante e lo stesso Gesù diverse volte nei Vangeli l’ha utilizzata in prima persona. È una richiesta di intervento di Dio su persone, situazioni, cose che per ognuno di noi sono particolarmente importanti. Verrà offerto ai presenti, sia prima della messa che dopo, un piccolo rinfresco».

Advertisement