Advertisement

Commissione Antimafia Umbria: tutti dicono «sì»

31 Gennaio 2020

Sottoscritta da tutti i capigruppo dell’Assemblea legislativa, soddisfazione Bori (Pd): «Non abbassiamo la guardia»

UMBRIA – «Soddisfazione per la formale sottoscrizione, da tutti i capigruppo dell’Assemblea legislativa, di maggioranza e minoranza, della richiesta di istituzione della Commissione d’inchiesta su Antimafia e Anticorruzione». Le parole sono quelle del capogruppo del Partito democratico a palazzo Cesaroni, Tommaso Bori.

Advertisement

«Si tratta – sottolinea Bori – di un atto importante, fortemente simbolico, che va oltre gli schieramenti politici, a dimostrazione che anche le istituzioni regionali intendono dare il loro contributo per combattere la criminalità organizzata, le infiltrazioni mafiose, la corruzione e il riciclaggio, il narcotraffico e lo spaccio di stupefacenti. Dopo il clamore iniziale delle inchieste giudiziarie – sostiene il capogruppo Pd – c’è ora in Umbria un’assordante silenzio, e, proprio adesso, in cui l’attenzione mediatica sta iniziando a calare, su mafia e corruzione, non dobbiamo e possiamo abbassare la guardia».

«Sappiamo bene che sono fenomeni che agiscono nell’ombra – prosegue Tommaso Bori – e si alimentano anche dell’indifferenza delle istituzioni e della società civile. Per questo motivo, anche alla luce della presenza a Perugia della Commissione nazionale antimafia, prevista il prossimo 10 febbraio, è stato presentato un atto che ribadisce un’unità di intenti indispensabile per operare con la massima determinazione ed efficacia. Troppe volte – conclude Bori – ci siamo illusi, complici il silenzio e il basso profilo con cui operano le organizzazioni criminali, di avere gli anticorpi adeguati a contrastare questo tipo di fenomeni, finché la malattia non ha mostrato i suoi sintomi peggiori; sta a noi, con azioni e fatti concreti, vaccinare le istituzioni e la società contro questi mali».

Advertisement