Advertisement

Ambiente, da Narni ad Arrone volontari e studenti puliscono le città dai rifiuti

21 Marzo 2019

Le iniziative a Moricone e Schifanoia de Il Bosco di Cardona e degli alunni della scuola Fanciulli per le creazione di orti didattici

NARNI (Terni) – Da Narni ad Arrone, nel Ternano volontari e studenti pensano all’ambiente. Tra pulizia dei boschi, raccolta dei rifiuti, messa a dimora di nuove piante e realizzazione di orti didattici.

Advertisement

A Narni, in particolare, saranno Moricone e Schifanoia le prime tappe della nuova stagione dell’Eco dei Boschi che partirà domenica prossima, 24 marzo dalle 9. Ad annunciarlo è il locale centro civico che insieme all’amministrazione comunale e all’associazione Il Bosco di Cardona organizzerà la passeggiata ecologica con la ripulitura dei boschi della zona dai rifiuti.
«L’iniziativa – spiega l’assessore comunale all’ambiente, Alfonso Morelli – ha anche l’obiettivo di promuovere il Greenchallenge, cioè quel movimento globale che all’attività fisica associa la pulizia dei luoghi. Fa piacere – prosegue l’assessore – che sempre più persone si stanno mobilitando a favore di uno stile di vita più sostenibile nei confronti dell’ambiente. È indubbio che la rete è fondamentale perché le buone pratiche siano condivise da cittadini di tutto il mondo. Si è sempre parlato – conclude – di un impegno glocale, ovvero azioni locali all’interno di una strategia globale, le cronache di questi giorni e le tante iniziative sul territorio ci dimostrano che questa definizione finalmente si sta realizzando concretamente».

Ad Arrone, ospiterà invece l’orto didattico e il giardino degli uccelli l’area adiacente la scuola Fanciulli dove gli studenti da sabato scorso stanno rimovendo i rifiuti per poi recuperare due aree a verde che saranno curate da loro stessi.
Il progetto promosso dall’amministrazione comunale vedrà il coinvolgimento del Centro iniziative ambiente Valnerina, dei genitori, dei nonni e dei volontari del movimento Arrone 20/30. L’obiettivo dell’amministrazione è quello di realizzare uno spazio di scambio sociale ed intergenerazionale, di crescita personale e culturale e di didattica ambientale.
I lavori consistono nella ripulitura, potatura degli alberi e taglio dell’erba con la successiva messa a dimora di nuove piante. Nel progetto è prevista anche la differenziazione dei rifiuti con l’installazione di una compostiera per riciclare l’organico ed educare i ragazzi ai principi dell’economia circolare. Successivamente l’area verrà suddivisa in appezzamenti e dotata di un pozzo per l’irrigazione ed ogni singolo spazio sarà poi assegnato ad una classe per la gestione e la manutenzione delle nuove essenze piantate.

«L’esperienza degli orti didattici – sottolinea l’assessore a scuola e ambiente, Marsilio Francucci – rappresenta un’importante occasione per educare i ragazzi al rispetto e alla conoscenza dell’ambiente che li circonda, favorisce un’educazione alimentare ed un’opportunità di incontro di soggetti diversi e di condivisione di spazi pubblici». Gli interventi proseguiranno fino ad aprile.

Advertisement