Advertisement

Primarie del Pd, da Barberini per Martina a Bori per Zingaretti

18 Febbraio 2019

POLE POLITIK di MARCO BRUNACCI | I nomi umbri che appoggeranno i tre candidati alla segreteria nazionale il 3 marzo. Con Giachetti Pula e Vannini. Tra gli elementi in campo più in vista anche Dorillo, Guasticchi, Orsini con Paparelli e Gianluca Rossi a Terni

di Marco Brunacci

PERUGIA – Sarà l’assessore regionale Luca Barberini la punta di diamante dello schieramento pro Martina per le primarie nazionali per scegliere il segretario nazionale del Pd in Umbria.

Advertisement

Sarà lui a guidare la lista nel collegio più delicato che è quello di Foligno-Spoleto-Valnerina-Alto Tevere. Sarà in coppia con l’altro assessore regionale, la Cecchini, seconda in lista. A Perugia (con il Trasimeno) il Collegio lo guida la Dorillo con una lista e Guasticchi e Casciari con un’altra. A Terni tocca al breghiano Orsini, quindi la Baiocco.
Per quanto riguarda la lista Giachetti i capilista sono Irene Pula a Perugia, Vannini, segretario di Todi, nel secondo collegio e Manuela Guanciale a Terni.
Mentre su Zingaretti (il favorito della consultazione, ma con difficoltà a raggiungere quel 50% a livello nazionale che gli consentirebbe di fare il segretario senza accordi in assemblea con gli altri due candidati, i quali potrebbero anche spodestarlo), va il consigliere comunale perugino Bori, mentre sarà Patriarchi il capolista nel secondo collegio. Invece a Terni guida Paparelli su Gianluca Rossi.
Come ovvio i vertici del Pd regionale, eletti in un clima ecumenico, non si sono schierati. Il segretario Bocci e il presidente Verini osserveranno a bordo campo, senza intervenire, la partita che si gioca il 3 marzo.

Advertisement
Advertisement