Advertisement

Perugia, in centro si sostengono produzioni locali e famiglie in difficoltà

21 Febbraio 2019

Progetti di cooperazione urbana anche a San Giustino: la dispensa solidale promossa da Tamat Ong, in collaborazione con Fuori di Zucca e la Cooperativa Sangiustinese

PERUGIA – Cooperazione allo sviluppo locale, alla socialità di quartiere e ai corretti stili di vita.

Advertisement

Proseguono a Perugia e San Giustino le attività del progetto “Comunità attive per la sovranità alimentare”, iniziativa promossa da Tamat Ong, organizzazione non governativa specializzata in progetti di cooperazione internazionale e decentrata con sede a Perugia, in collaborazione con residenti e commercianti del centro storico, con l’associazione Fuori di Zucca, la Cooperativa Sangiustinese, il Cinema Teatro Astra e con il sostegno della Regione Umbria. “Comunità attive per la sovranità alimentare” è un progetto che si colloca all’interno di diverse aree di intervento e mira a sviluppare e rafforzare il ruolo della cittadinanza attiva, stimolandola attraverso il coinvolgimento ad iniziative di animazione di quartiere, sostegno diretto al supporto di soggetti svantaggiati residenti in quei quartieri e ai corretti e sani stili di vita.

Da due anni, infatti, Tamat ha attivato nel centro storico di Perugia un gruppo d’acquisto solidale che al suo interno conta oltre 80 soci (famiglie, pensionati, studenti) e da cui recentemente è nata l’associazione “Fuori di Zucca”. E proprio in questo contesto si inserisce l’ampliamento delle finalità con l’attivazione di una dispensa solidale a favore delle famiglie in difficoltà del quartiere. Il progetto non sposa una logica semplicemente assistenzialista, ma prevede una partecipazione attiva dei soggetti destinatari anche nelle attività di gestione degli ordini e della distribuzione dei prodotti. Con il coinvolgimento del quartiere e dell’associazione Fiorivano le Viole, sono state identificati i beneficiari della dispensa a cui settimanalmente verranno distribuiti i prodotti (frutta, verdura, pane, altro) del Gas. Un’iniziativa importante nata per non lasciare nessuno indietro, all’interno di una quartiere ben definito e che piano a piano sta ritrovando una sua vivibilità. E dove residenti e commercianti cooperano per il benessere di tutti, anche di che si trova in difficoltà.
Il progetto riguarda due ambiti territoriali ben definiti: il centro storico di Perugia e il comune di San Giustino. L’idea di sviluppare un Gas (gruppo d’acquisto solidale) nel centro storico di Perugia, nasce dalla volontà di supportare l’opera di riqualificazione del quartiere di Via della Viola avviata dall’associazione Fiorivano le Viole e dalla sfida stimolante di riuscire logisticamente a portare i prodotti della campagna per le vie del centro. Da qualche mese proprio a San Giustino la Cooperativa Sangiustinese presso i locali del Cinema Tetro Astra ha avviato con il supporto di Tamat e Fuori di Zucca un piccolo Gruppo d’Acquisto ispirandosi al modello realizzato a Perugia.

Dopo due anni di attività i risultati raggiunti da Fuori di Zucca possono essere ritenuti più che soddisfacenti. Nel 2017, il G.A.S. ha acquistato circa 5.800 euro di prodotti direttamente dai piccoli produttori locali. Nel 2018 la partecipazione è addirittura aumentata portando il gruppo ad acquistare oltre 15.500 euro di prodotti.

Advertisement