Advertisement

«Corri Leo, corri felice in cielo». Dopo la lunga malattia, è morto Cenci il guerriero

30 Gennaio 2019

La comunicazione di Avanti tutta. Il 31 gennaio i funerali nel duomo di Perugia: il Comune dichiara il lutto cittadino

PERUGIA – «Il nostro Leo è volato in cielo, tra gli angeli.
La sua missione sulla terra è terminata questa mattina, poco dopo le ore 10.
Di questi sei anni che gli sono stati “regalati” dalla malattia non ha sprecato neanche un giorno. Con i sogni ai piedi e l’invincibilità nel suo cuore è riuscito a realizzare tanti dei suoi desideri ed il resto saranno portati a compimento perché il patrimonio umano e materiale che lui ha creato non andrà disperso.
Corri Leo in cielo, corri felice e veglia su chi, come noi, ti ha voluto sempre bene. Corri e ricordaci che dobbiamo sempre credere nei nostri sogni e nella forza dell’amore andando sempre #AvantiTutta. R.I.P. Guerriero».

Advertisement

Con questo struggente post la onlus Avanti tutta comunica che oggi, 30 gennaio, dopo una lunga battaglia è venuto a mancare Leonardo Cenci.
Una malattia che non ha sconfitto Super Leo. Non lo ha battuto. Perché “super Leo” come è stato chiamato e adottato da tutta Perugia, è stato e rimarrà il simbolo della lotta al cancro. Una lotta fatta di impegno personale e sociale, di sport e aiuto a chi ha bisogno d’aiuto, di testimonianze pubbliche e raccolta fondi per dotare le strutture oncologiche dell’ospedale perugino di strumenti nuovi e funzionali per i pazienti.

«Combattere il cancro si può e si deve!». Questa la mission che ha animato l’impegno di Leonardo, attraverso soprattutto Avanti Tutta. Tutto nasce dal confronto con una realtà durissima: un cancro a uno stadio avanzato che sembrava lasciargli pochi mesi di vita. Quei pochi mesi sono diventati sei anni. In cui Leonardo ha dimostrato a tutti come si affronta il cancro, come si può batterlo o comunque «fargliela sudare» come ha spesso detto: sport praticato a livelli da professionista, vita sana e impegno sociale. Sorriso, linguaccia e pollice alto: uno sberleffo al tumore che è diventato un manifesto e che ha ben presto travalicato i confini di Perugia per diventare un caso (in positivo) nazionale e internazionale.

Specie quando ha coronato il sogno di correre la maratona di New York nel 2016 e quando è diventato, un anno dopo, il primo al mondo ad aver affrontato due maratone della Grande Mela da malato di cancro. Nel mezzo tanti altri eventi sportivi, gli “Avanti Tutta days” e le gare podistiche a Pian di Massiano, gli applausi e i cori della Curva Nord e del Curi quando andava a seguire il suo Perugia o quelli del Palabarton durante le partite della Sir. «La cosa che mi gratifica di più – ha scritto in un post su Facebook dopo la seconda maratona di New York – è di poter essere preso come esempio e dimostrare al mondo che il cancro è una brutta malattia ma dalla quale non bisogna aver paura; e che nonostante il cancro si può!!! E SI DEVE! AVANTI TUTTA». Pensieri e testimonianza che sono diventati anche un libro “Vivi, corri, ama, Avanti Tutta!” Che è diventato un successo.

Poi, quasi all’improvviso ma purtroppo accade, quel cancro che sembrava sconfitto tra corse ed eventi sociali e di beneficenza è tornato a far capolino. Da inizio novembre Leonardo è stato sempre di più costretto a fare il «pit stop» in ospedale. «Caro cancro fatti avanti, non ti temo e stanne certo che ti darò del filo da torcere fino alla fine» la replica di Cenci al terribile inquilino del suo corpo. Quello che inizialmente sembrava un qualcosa da potere tenere sotto controllo, con il passare delle settimane è diventato crisi epilettiche e giorni di incoscienza. Fino all’atto finale. Leo ha deciso di continuare la sua opera da lassù, per usare le parole di Casciari. Ma da quaggiù non se ne è mai andato.

Da Cityjournal, le più sentite condoglianze alla famiglia di Leonardo.
I funerali, celebrati dal vescovo Paolo Giulietti e da don Saulo Scarabattoli, sono previsti per domani, 31 gennaio, nel duomo di Perugia alle 15.

Di seguito il comunicato del Comune di Perugia che ha dichiarato il lutto cittadino per il 31 gennaio.

«L’Amministrazione comunale e la città di Perugia piangono la scomparsa di Leonardo Cenci, uomo simbolo di coraggio, da sempre impegnato in una strenua battaglia contro il cancro, scomparso proprio nella giornata di oggi.
Domani, giovedì 31 gennaio, è in programma la cerimonia funebre, che si terrà alle ore 15 presso la Cattedrale di San Lorenzo, per tributare l’estremo saluto della città ad uno dei suoi figli illustri.
Proprio in vista di ciò, nel corso di una apposita riunione svoltasi in data odierna, la giunta comunale ha deciso di proclamare per la giornata di domani il lutto cittadino per commemorare la scomparsa di Leonardo Cenci.
In considerazione di ciò è stata disposta l’esposizione a mezz’asta della bandiera del Comune di Perugia sulla facciata di palazzo dei Priori; nel contempo si invitano gli esercizi commerciali a tenere abbassate le serrande dei propri locali per la durata delle esequie, ossia dalle 14.30 alle 16.30.

Al funerale di Leonardo Cenci sarà presente il Gonfalone della città, trattandosi, tra le altre cose, della scomparsa di un cittadino illustre iscritto all’Albo d’oro con la seguente motivazione: “Leonardo Cenci, Leo per i tanti amici, con coraggio e caparbietà combatte ogni giorno  la sua personale battaglia contro il cancro. La fede, la ferma convinzione che ognuno di noi abbia in sé un potentissimo farmaco naturale – la nostra testa – e che, se che non possiamo decidere quanto vivere possiamo, tuttavia, decidere come vivere il nostro tempo, lo hanno portato a continuare a fare con sempre maggiore impegno ed entusiasmo quello che più ama, lo sport e l’attività fisica in genere. Le numerose vittorie riportate sinora contro la sua malattia, lo hanno spinto a farsi promotore, anche in collaborazione con l’Associazione “Avanti tutta onlus” di cui è fondatore, di molteplici iniziative per dare dignità e migliorare le condizioni di vita di chi è affetto da tumore,  favorendo una campagna di solidarietà  per acquistare materiali per il reparto di oncologia dell’Ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia. Tanti sono stati anche gli eventi organizzati insieme ad oncologi, nutrizionisti e psicologi per spiegare l’importanza della prevenzione e ed adottare uno stile di vita corretto e sano.
A Leonardo Cenci, che con generosità e con il sorriso che sempre lo contraddistingue, diffonde un messaggio trasversale di coraggio e di speranza, la nostra Città esprime il suo affetto e ringraziamento”.

L’Amministrazione comunale esprime cordoglio, anche a nome dell’intera comunità perugina,  rappresentando alla famiglia la vicinanza ed il dolore per la scomparsa dell’amatissimo Leonardo che, , oltre a farsi promotore di molteplici iniziative in favore dei malati oncologici e della lotta contro il cancro, ha diffuso, con il suo esempio, un prezioso messaggio di coraggio e speranza per tutti coloro che vivono nella sofferenza e nella malattia».

Il post di Avanti Tutta:

Advertisement