Advertisement

Scippatori feroci, forse seriali: donna cade e si frattura il bacino

16 Novembre 2018

Succede a Perugia. La poveretta ne avrà per 30 giorni: denunciate due persone

PERUGIA – Tecnicamente li chiamano «furti con strappo», che poi è la tecnica utilizzata per derubare la poveretta di turno, e sono uno dei reati più odiosi: perché improvvisi, inaspettati, talvolta violenti. E perché spesso per chi li subisce è difficile, nei pochi istanti sufficienti al balordo per puntare, avvicinare e scippare la propria vittima, fissare nella mente elementi utili alla polizia per acciuffare il responsabile.

Advertisement

Non stavolta. Stavolta – pochi giorni fa in zona Bellocchio – due testimoni hanno visto e riferito tutto agli agenti. Hanno visto un’utilitaria rossa affiancare la donna, una mano sporgersi dal finestrino per strapparle la borsa e, via, di corsa filare. Mentre la poveretta cadeva a terra fratturando il bacino e rimediando 30 giorni di prognosi. A incastrare i presunti responsabili è stata l’accurata descrizione dell’utilitaria su cui viaggiavano. Le attività investigative sono partire proprio da quel veicolo, lo stesso utilizzato – secondo la Mobile – da un 38enne residente a Perugia e da un lituano 23enne per tentare senza successo di scippare una donna, un mese fa, in via dei Filosofi .

Rintracciata la macchina e rintracciati loro, e perquisiti, gli agenti hanno trovato un orecchino poi riconosciuto dall’ultima vittima e sottoposto a sequestro. Entrambi, ora, sono stati denunciati a piede libero per furto con strappo aggravato e lesioni personali.

Advertisement
Advertisement