in ,

Ambiente e lavoro: CariPg scommette sulle professioni verdi per l’occupazione dei giovani

“Green Jobs”: iniziativa promossa da Acri, che coinvolge 8 Fondazioni di origine bancaria con un impatto su altrettante regioni italiane

PERUGIA – L’azienda green nasce direttamente sui bachi di scuola con il progetto “Green Jobs”, iniziativa promossa dall’Acri (Associazione delle Fondazioni e Casse di Risparmio Italiane) che coinvolge 8 Fondazioni di origine bancaria, con un impatto su altrettante regioni italiane: la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia in Umbria, la Fondazione Cariplo in Lombardia, la Fondazione Crt in Piemonte, la Fondazione Cariparo in Veneto, la Fondazione CR La Spezia in Liguria, la Fondazione Cr Provincia Teramo in Abruzzo, la Fondazione Cr di Pistoia e Pescia inToscana, la Fondazione Cr Salernitana in Campania.

Il progetto. La peculiarità del progetto, rivolto agli studenti delle scuole superiori, consiste nell’opportunità offerta ai ragazzi di conoscere e utilizzare gli strumenti adeguati per sviluppare concretamente le proprie idee imprenditoriali nel campo dell’innovazione ambientale, partendo da una mappatura dei problemi e delle opportunità del territorio in cui vivono, passando per lo sviluppo di una idea imprenditoriale che valorizzi prodotti o servizi sostenibili sia sotto il profilo ambientale che economico, fino alla creazione di una start up.

Alternanza scuola-lavoro. Un innovativo progetto di alternanza scuola-lavoro riconosciuto dal Miur che la Fondazione perugina ha deciso di promuovere nel proprio territorio per il grande potenziale espresso dai “lavori verdi” nel futuro, sia per la risposta che possono dare ai giovani in termini di occupazione in una regione particolarmente in difficoltà come l’Umbria, sia per le ripercussioni che possono avere sulla sostenibilità ambientale del tessuto produttivo.

Le scuole coinvolte. Per l’anno scolastico 2018-2019 nel territorio di intervento della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia anche grazie alla collaborazione dell’Ufficio Scolastico Regionale sono state coinvolge 7 classi del 4 superiore di tre istituti scolastici: il Liceo Statale “Assunta Pieralli” di Perugia; l’Istituto Istruzione Superiore Ciuffelli-Einaudi di Todi e l’Istituto professionale di stato servizi per l’enogastronomia e ospitalità alberghiera, servizi commerciali di Assisi.

Le fasi. La prima fase del progetto ha avuto inizio ieri, con un incontro che si è tenuto a Palazzo Graziani, sede della Fondazione, durante il quale gli esperti dei due partner del progetto, InVento Innovation Lab, ente con specifiche conoscenze e metodologie per lo sviluppo di competenze ambientali, e Junior Achievement, organizzazione non profit dedicata a trasferire ai giovani contenuti di economia e imprenditorialità, hanno fornito agli insegnanti indicazioni operative utili alla realizzazione dell’idea imprenditoriale green che verrà sviluppata dagli studenti. Nell’aprire i lavori il Segretario Generale della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, Fabrizio «ha invitato gli insegnati a raccogliere questa sfida, che rappresenta un passo in avanti nell’evoluzione formativa in grado di valorizzare il carico di innovazione dei nostri giovani anche grazie alla professionalità e alle competenze degli esperti che collaborano al progetto». Nel corso dell’anno scolastico le classi verranno dunque accompagnate step by step dagli insegnati e dagli esperti di InVento Innovation Lab e Junior Achievement nella realizzazione della micro impresa green scolastica.

La fiera nazionale. Al termine del percorso gli studenti avranno la possibilità di presentare i propri progetti nel corso della Fiera Green Jobs che si terrà a Milano. All’evento prenderanno parte tutti i team partecipanti delle varie regioni, che avranno l’occasione di promuovere la propria start up allestendo uno stand con eventuale vendita di prodotti. Oltre ai contenuti sarà importante anche la strategia di comunicazione adottata: una apposita giuria di esperti che procederà prima a una valutazione a distanza di tutti i progetti attraverso una piattaforma informatica, in occasione della Fiera valuterà le modalità di allestimento e di presentazione dell’impresa per selezionare i progetti migliori e scegliere il vincitore che parteciperà alla fiera nazionale Biz Factory.

Carabinieri e polizia eseguono un fermo. Repertorio

Spoleto, rapina all’ufficio postale: trovata l’auto usata per il colpo. Dentro c’era anche un Rolex

Il sindaco del Comune di Città della Pieve, Fausto Scricciolo, l’amministratrice delegata di Umbra Acque, Tiziana Buonfiglio, e il responsabile del procedimento per conto di Umbra Acque, Marino Burini

Città della Pieve, il depuratore a membrane è a regime. Umbra Acque: «Tecnologia innovativa»